Chi ci amministra > Consiglio comunale > Interrogazioni Consiliari > Archivio legislatura 2013-2018 > 2014

n. 316 09.12.2014

DI LAURO ANTONIO

Un’altra interrogazione riguarda sempre le scuole. E’ dall’inizio dell’anno che non si vedono più i nonni amici. Io racconto quello che succede quando accompagno mio figlio a scuola. Purtroppo abbiamo tutti fretta, purtroppo arriviamo tutti all’ultimo secondo, purtroppo siamo maleducati e purtroppo ci fermiamo sulle strisce pedonali dove c’è l’attraversamento da una parte all’altra per entrare a scuola. Sto parlando della scuola Manzoni, dove io mi reco tutte le mattine. Questo lì non succedeva perché l’efficienza e l’efficacia di queste persone dava davvero un contributo ricordando a tutti che esistono delle buone maniere. I vigili ci passano un attimo sopra se ci fermiamo sulle strisce pedonali più avanti o parcheggiamo sul marciapiede o se lasciamo la macchina al limite dell’incrocio. Il fatto, però, che il bambino debba addirittura scavalcare la macchina perché è sulle strisce pedonali, mi sembra troppo, questo con il nonno amico non era mai successo. Mi piacerebbe capire se a questa figura, seguita attraverso l’associazione A.N.T.E.A.S., il Comune dava la possibilità di offrire questo favoloso contributo. Quindi, chiederei se è ancora attiva questa convenzione con A.N.T.E.A.S. e se sia possibile ripristinare, almeno da gennaio in poi, il nonno amico su tutte le scuole. Il nonno amico era un punto di riferimento anche per i bambini e noi genitori che, magari scappiamo subito via, ci sentivamo più sicuri quando c’era questa figura al di fuori della scuola, perché la si conosceva. Le bidelle sono nella scuola, lui era fuori, quindi se c’era qualche movimento strano era il primo che ci avvisava e ci metteva al corrente del fatto che c’era qualcosa che non andava, quindi per noi genitori era davvero importante.

Risponde l’Assessore Duca:

Rispetto al progetto dei nonni amici, abbiamo pensato di valutare possibilità diverse di intervento a sostegno delle scuole, questo anche in una logica di ottimizzazione delle risorse, l’accordo con Auser è stato un accordo importante, che però ha significato anche una spesa non irrilevante, insomma circa 30 mila euro l’anno. Abbiamo pensato di poter provare quest’anno un progetto sperimentale, sui cui esiti poi siamo convinti ci debba essere una riflessione e una possibilità anche di riprogettazione del percorso che abbiamo in atto, ma in accordo con l’assessorato all’istruzione, abbiamo chiesto ai Comitati Genitori di pensare e poi sicuramente Letizia Villa sarà più precisa di me, ad azioni che potessero svolgere all’interno della scuole, soprattutto legate a piccole opere di manutenzione, ad accostamento rispetto ad alcuni temi e ad alcuni lavori e abbiamo poi parlato anche con la Polizia Locale rispetto alla presenza dei nonni amici agli incroci e abbiamo concordato con loro che la presenza dei Vigili Urbani durante la mattinata potesse essere sufficiente.
Il Consigliere Di Lauro non c’è, però sull’incrocio tra Via Garibaldi e Via Manzoni c’è tutte le mattine e poi si incrocia con la Scuola Manzoni c’è sempre un Vigile Urbano all’ingresso della scuola, questo vi dicevo in una logica un po’ anche di ottimizzazione delle risorse presenti.

Risponde l’Assessore Villa:

Per quanto riguarda i nonni amici, ha già risposto Gianfranca Duca, ma aggiungerei che, entro quest’anno, nel senso nel mese di dicembre, porteremo una delibera che definisce un protocollo di intesa tra l’Amministrazione, i Presidi e i Comitati dei Genitori per i lavori all’interno delle scuole, mentre per quanto riguarda il nuovo ingresso, mi spiace che non ci sia Di Lauro, ma per l’ingresso della Morandi spostato in Beato Carino, era stata evidenziata la necessità di questo cambiamento dopo un sopralluogo dei Vigili Urbani.
Per cui, se adesso segnalate che la situazione si è capovolta, faremo un’altra verifica, sentiremo i Vigili e poi vediamo.

Risponde l’Assessore Duca:

Rispetto ai nonni amici, non è stato un percorso di taglio quello dei nonni amici, lo ribadisco, certo c’è stata una esigenza di razionalizzazione, il tema vero è che era un complesso anche molto articolato anche per la stessa Associazione Auser rispetto al rimborso spese, che poi veniva dato ai nonni amici, che non erano e non sono volontari in senso puro del termine.
Stiamo pensando a nuove possibilità di intervento rispetto a temi così importanti come quelli segnalati dai due Consiglieri, vogliamo provare ad immaginare un percorso di cittadinanza attiva più condiviso e gratuito, a fronte delle difficoltà e come dire anche delle scelte che dobbiamo fare in questa direzione.
Crediamo molto al ruolo che possono avere i comitati genitori, lo crediamo, crediamo molto anche a possibilità innovative di introduzione di nuove partecipazioni della società anche a temi così importanti come quello della scuola.
Stiamo valutando insieme una possibilità di adozione del regolamento di Bologna, che permette a gruppi di cittadini e ad associazioni di prendersi cura di parte del patrimonio della città.
Abbiamo chiamato la Polizia Locale per chiedere che ed avere la certezza che le scuole fossero presidiate adeguatamente, facciamo una valutazione condivisa e alla fine di questa nuova progettazione, siamo anche disponibili a rivedere nell’interezza il progetto.

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it
    .

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022