Chi ci amministra > Consiglio comunale > Interrogazioni Consiliari > Archivio legislatura 2013-2018 > 2014

n. 80 28.04.2014

GHILARDI GIACOMO

Ho un’interrogazione che arriva da molte persone, da tantissimi cittadini, e riguarda il parchetto di Piazza Ferravilla che con la bella stagione diventa un po’ simbolo di bivaccamenti, grigliate e quant’altro. Io ho guardato il regolamento e poi magari più avanti l’Assessore mi dirà se ho capito bene. L’articolo 2 classifica il parco di Piazza Ferravilla come parco urbano e giardino pubblico; nell’articolo 3 si dice che è fatto divieto di assumere i seguenti comportamenti che risultano perseguibili in quanto illeciti amministrativi: utilizzare gli spazi a verde come dormitori occasionali, organizzare giochi di pallone, frisbee, bocce e simili che arrechino disturbo – abbiamo una foto in cui c’è una rete da pallavolo – introdursi con biciclette, ciclomotori e motocicli, ad eccezione di quelli utilizzabili da fanciulli esclusivamente lungo i percorsi pedonali. Di biciclette se ne vedono a bizzeffe e addirittura vi sono delle macchine parcheggiate metà sull’erba e metà sulla strada, ma comunque quello che preme sottolineare è che le grigliate che vengono fatte bruciano l’erba e creano comunque un deturpamento del verde pubblico. Abbiamo qui delle foto di sacchi dell’immondizia, di birre, di bottiglie spaccate attaccate agli alberi, altra spazzatura e comunque nel regolamento prevedono delle sanzioni. Va bene che il parco comunque deve essere utilizzato e deve vivere, ma in questo modo lo si fa morire, e questo non va assolutamente bene. Chiedo quindi all’Assessore competente che intenzioni ha riguardo a questa problematica.

RISPONDE L’ASSESSORE RUFFA:

Per quanto riguarda le interrogazioni poste sul parco Partigiani siamo a conoscenza dei fenomeni che già da tempo avvengono, soprattutto nelle giornate primaverili e estive, in quel parco. E’ un parco che ultimamente, già dall’anno scorso, è molto vissuto da molte famiglie di etnie diverse e comunque lo utilizzano come luogo di ritrovo nel fine settimana e spesso anche per grigliare o comunque passare un picnic in famiglia in quell’area. C’è da tenere in considerazione due cose: quell’area fino a non molto tempo fa, finché non era utilizzata da queste famiglie come area di ritrovo, era quasi completamente abbandonata, era una zona abbastanza degradata, malvissuta e anche a rischio di situazioni di delinquenza varia e anche piuttosto pesante, quindi di per sé il fatto che ci siano delle famiglie che utilizzino quell’area non è una situazione da considerare negativamente; c’è sicuramente da considerare e monitorare il fenomeno e capire come limitarne gli usi scorretti che vengono fatti. Siamo sicuramente a conoscenza del fatto che c’è un numero abbastanza imponente di persone che si recano in quei posti, che il luogo rimane, dopo il loro passaggio, con rifiuti abbandonati, con zone, dove fanno la grigliata, dove la terra riporta queste situazioni dovute agli eventi che si sono verificati. Stiamo intervenendo in questo senso cercando di regolamentare la situazione dell’area. Verrà normata la gestione di quel parco, verranno a breve apposti dei cartelli con quelle che sono le norme e le misure e le attività che possono essere consentite, verrà ripristinata la fontana, una possibilità di accesso con l’utilizzo dell’acqua potabile che è stata divelta nel corso del tempo, verranno sistemate delle zone dove poter fare le griglie, sarà consentito solo nelle zone dove è stata identificata la possibilità di farlo, quindi in numero limitato e in condizioni di sicurezza. Quel parchetto lì è all’interno anche dell’appalto della gara delle aree giochi che si è chiuso verso la metà di aprile, si sta procedendo, quindi dopo la chiusura del bando, all’assegnazione dell’appalto, è un’area in cui verranno risistemati anche i giochi nella parte relativamente all’area giochi per bambini, insieme a quell’appalto verranno inseriti dalla società che vincerà la gara anche dei cestini in maggior numero rispetto a quelli attuali di dimensioni e capienza maggiore per la raccolta differenziata, oltre a questo anche dei tavolini e delle aree per poter fare una sorta di pic-nic senza doversi posizionare direttamente nell’erba ma avendo delle strutture adatte e idonee, questo a breve.

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022