Chi ci amministra > Consiglio comunale > Interrogazioni Consiliari > Archivio legislatura 2013-2018 > 2014

n. 175 10.07.2014

BERLINO GIUSEPPE

L’ultima interrogazione tratta di una questione che ho già sollevato in passato; noi a Cinisello Balsamo spesso non prendiamo esempio dalle buone azioni provenienti dai Comuni limitrofi. Il 31 luglio scadrà la possibilità per presentare la famosa autocertificazione per gli impianti termici; ripeto che si tratta di una cosa che avevo già chiesto in passato, ma personalmente non capisco il motivo per cui non riusciamo a fare quanto accade in altri Comuni a noi vicini, ovvero evitare che i cittadini di Cinisello Balsamo, dopo aver chiamato il tecnico, siano costretti in un primo tempo a recarsi in posta per effettuare il pagamento del bollettino e successivamente debbano perdere altro tempo per recarsi presso l’ufficio tecnico per consegnare la domanda; in molti Comuni, se non quasi tutti, del circondario, accade che le amministrazioni comunali hanno attuato delle convenzioni con i tecnici del territorio, i quali nel momento in cui vanno nelle abitazioni per censire e fare manutenzione sugli impianti, rilasciano in forma autonoma la marca da bollo, i famosi 7 o 8 euro da sostenere per il controllo generale degli impianti, e successivamente sono gli stessi tecnici che si preoccupano di consegnare la documentazione agli uffici comunali, evitando così che i cittadini debbano perdere tempo per il disbrigo della pratica; non capisco, quindi, di fronte a una cosa così lampante, che potrebbe creare minori disagi e andare incontro alle esigenze dei cittadini di Cinisello, non capisco perché l’amministrazione non fa nulla; si tratta di una cosa molto semplice e gli stessi tecnici mi chiedono il motivo per cui nel nostro Comune funziona diversamente. Vi invito, quindi, visto che siamo in scadenza per quest’anno, di iniziare a pensare per il prossimo anno a questa possibilità per venire incontro alle esigenze dei cittadini.

Risponde l’Assessore Ruffa:

Il consigliere Berlino faceva presente la questione del pagamento del bollettino, in merito al quale lamentava delle difficoltà e proponeva delle modalità per ottenere una migliore gestione del servizio; in questo caso ci viene incontro la Regione Lombardia, perché un cambio della normativa vigente permetterà a partire dalla prossima stagione di non dover più svolgere la compilazione del modulo G e la registrazione delle caldaie per coloro che dispongono di riscaldamento autonomo presso il settore ecologia e gli uffici preposti di ogni Comune, ma questo cambia la procedura, poiché non si dovrà più pagare il bollettino, la dichiarazione dovrà essere effettuata direttamente al manutentore incaricato del controllo e della manutenzione dei fumi e dei gas di scarico delle caldaie, l’importo del bollettino dovrà essere corrisposto direttamente al manutentore, poi sarà compito di quest’ultimo l’inserimento in un apposito sistema di raccolta dati in rete tutti i dati e tutte le caldaie dei cittadini mantenuti e successivamente il settore ecologia avrà la possibilità di accedere a questa informativa per ricavarne i dati e monitorarle diverse situazioni. Chiaramente, si tratta di una situazione che alleggerisce il compito del cittadino, il quale non si deve recare presso gli uffici, d’altro canto rende un po’ più difficile al settore identificare delle situazioni di problematicità e di difficoltà, perché il fatto che il cittadino dovesse recarsi direttamente per consegnare i moduli e registrarli presso l’ufficio ecologia ha permesso nel corso degli anni di monitorare diverse situazioni critiche e di venire a conoscenza di situazioni, in cui in alcuni condomini qualche cittadino, anche su scorretto consiglio di amministratori di condominio, ha eseguito delle modifiche agli impianti di riscaldamento che non erano permesse dalla normativa e quindi gli uffici in questo senso, anche a tutela degli altri cittadini, hanno potuto intervenire, chiedendo il ripristino, la sistemazione e la correzione. Certamente, quindi, il dover monitorare più a distanza il fenomeno della caldaie renderà più difficile per la prossima stagione un po’ più difficile il controllo anche di quegli atti contrari al corretto adempimento degli obblighi di legge.

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022