Chi ci amministra > Consiglio comunale > Interrogazioni Consiliari > Archivio legislatura 2013-2018 > 2014

n. 298 09.12.2014

BERLINO GIUSEPPE

Restando sempre nel tema della emergenza abitativa, sono andato a verificare anche che, sempre in una delibera di Giunta dell’11 novembre, l’Amministrazione comunale ha deciso di andare ad aggiungere a quello che è il piano delle alienazioni annuali ben venti alloggi circa di proprietà del Comune in edilizia residenziale pubblica. L’Amministrazione comunale ha deciso di alienare questi alloggi e questo fa un po’ a botte rispetto a quella che è l’esigenza abitativa della nostra città. L’Amministrazione comunale decide che alcune proprietà, immobili, appartamenti e box della nostra città, e più precisamente mi riferisco agli immobili in Via Picasso, che sono una decina, e in Via Martiri Palestinesi. L’Amministrazione comunale ha deciso di vendere questi immobili, nonostante siano occupati da cittadini, per riuscire ad introitare la bellezza di due milioni di euro. Chi mi ha interpellato su questa vicenda sono alcuni cittadini e sono piuttosto preoccupati, perché la delibera di Giunta dice che sono stati ascoltati gli inquilini che sono favorevoli alla vendita, quindi all’acquisto degli immobili, perché la vendita viene proposta agli inquilini che già dimorano in questi appartamenti. In realtà non è così, perché almeno chi mi ha interpellato non ha nessuna intenzione o, comunque, non ha la possibilità di acquistare questi immobili, per cui cresce la preoccupazione di costoro, perché vogliono sapere che fine faranno. E’ stato detto loro, e per questo sto facendo questa interrogazione, che se non dovessero accettare la vendita, quindi l’acquisto dell’immobile in cui abitano, saranno spostati in altri alloggi del Comune. Da questo punto di vista mi piacerebbe chiarire questa vicenda, per cui l’Amministrazione decide di vendere venti alloggi per due milioni di euro. Cosa succede se chi detiene in questo momento questi alloggi decide di non acquistare.

Risponde il Sindaco:

Vorrei dire due cose rispetto al tema della vendita degli alloggi. Questi venti alloggi fanno parte di un patrimonio dell’edilizia residenziale mista. Il Comune di Cinisello possiede ottanta alloggi in condomini privati. La legge regionale permette di poter vendere a colui che all’interno è intestatario del contratto di affitto da più di dieci o di sette anni. Prevede la possibilità che questo locatario possa avviare un percorso di acquisto. Noi abbiamo chiesto a tutti gli ottanta inquilini la disponibilità ad un acquisto. In un primo momento c’era stata circa una quarantina di inquilini ad avere dato la disponibilità, quando poi abbiamo fatto la perizia e presentato quali potevano essere i costi, gli inquilini disponibili sono risultati venti. Da questo punto di vista non c’è nessun obbligo ma, siccome, è una possibilità che la legge regionale prevede, abbiamo pensato di vendere all’inquilino questo alloggio e di destinare i soldi recuperati da questa vendita all’acquisizione di nuovo patrimonio ERP, sicuramente attraverso le case messe all’asta a basso prezzo e, quindi, in modo particolare nel quartiere della Crocetta, come ci impegnava a fare in qualche modo anche un ordine del giorno votato da questo Consiglio comunale. Quindi, non c’è nessun vincolo da parte degli inquilini all’acquisto della abitazione. E’ una proposta che è stata fatta loro. E’ stata accertata la loro disponibilità da questo punto di vista in forma scritta. Appena arriverà l’autorizzazione della Regione chiederemo loro di sottoscrivere tutti gli atti previsti per chi ritiene di procedere all’acquisto di questi alloggi. Speriamo che questo percorso possa andare a buon fine, perché in qualche modo permetterebbe di intervenire su un quartiere un po’ più complicato e di ampliare il patrimonio dell’edilizia residenziale.

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it
    .

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022