Chi ci amministra > Consiglio comunale > Interrogazioni Consiliari > Archivio legislatura 2013-2018 > 2014

n. 269 28.10.2014

PARAFIORITI GIACOMO

Per quanto riguarda invece un’altra segnalazione che mi è stata fatta, questa riguarda via Villa. Anch’io ripeto cose che per certi versi sono già state dette, ma non in questo luogo. Ogni tanto purtroppo, per come vengono congegnati questi tombini, danno qualche problema e diventano rumorosi. E’ chiaro che normalmente si sopportano, però a volte ci sono delle vie, come via Carlo Villa, che sono vie di congiunzione molto frequentate e quindi anche di sera o di notte il fatto che il tombino sia un tombino instabile e che faccia un rumore peculiare può dare dei problemi ai cittadini che sono nelle vicinanze e quindi anche questo è un aspetto importante. Questo problema veniva già sollecitato. E’ chiaro che, tra l’altro, bisognerà chiedere anche a coloro che ingegnerizzano questi tombini di lavorarci un po’ meglio perché non è il primo caso e credo che succeda sovente, quindi ci deve essere anche una soluzione di tipo diverso che non andare ad intervenire ogni tanto e metterci le toppe. Dobbiamo cercare, non so come, ma di chiedere che vengano dal punto di vista ingegneristico pensati un po’ meglio questi tombini, oppure coloro che li vanno a costruire da ora in poi li costruiscano in maniera tale che poi non abbiano di questi problemi. Questo io lo ritengo importante.

Risponde l’Assessore Ruffa:

La questione dei tombini e dei chiusini presentata dal consigliere Parafioriti e da altri Consiglieri è una situazione che c’è in tutte le città e in tutte le vie. Normalmente nella progettazione e nell’ingegnerizzazione delle strade si cerca di inserire i chiusini in tratti delle strade al confine con i marciapiedi o comunque in aree centrali in modo che non siano soggette alle sollecitazioni delle ruote del transito dei veicoli. Non sempre e non in tutte le vie questo è possibile perché per esempio dove ricade l’impianto fognario, se c’è un impianto già preesistente, spostare e deviare i collettori significa dei costi ingenti e il rifacimento di tutti gli impianti, quindi a volte capita anche che questi chiusini siano presenti in carreggiata dove insistono poi le ruote dei veicoli. L’amministrazione cerca per le proprie competenze di intervenire sempre nella risistemazione dei chiusini propri e sulle infrastrutture di altri enti e di altri operatori facciamo costantemente e giornalmente tutte le segnalazioni perché questi intervegano nel ripristino e nella sistemazione, perché la manutenzione spetta sicuramente a loro. Lo stesso vale per la questione della pulizia delle caditoie dello scolo delle acque. Quella è un’operazione che è a carico della società Amiacque, CAP Holding, che gestisce queste infrastrutture. Quello che ha potuto fare l’amministrazione è stato di rinnovare una convenzione con la società che portasse alla manutenzione ordinaria costante del 33 per cento dei chiusini del territorio di Cinisello all’anno, quindi con una copertura totale della manutenzione ordinaria di tutte le caditoie nell’arco di tre anni, mentre prima la percentuale della convenzione era solo del 25 per cento e quindi abbiamo ridotto il numero di anni necessari per la manutenzione ordinaria di questi. Chiaramente sulla manutenzione straordinaria si interviene quando ci vengono segnalate delle situazioni di difficoltà di drenaggio e di scolo delle acque, quindi facciamo la segnalazione aspettando il loro intervento. Normalmente intervengono abbastanza celermente, questo magari non avviene sempre e continueremo a fare le segnalazioni dovute e a rispondere alle diverse interrogazioni da parte dei Consiglieri.

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it
    .

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022