Chi ci amministra > Consiglio comunale > Interrogazioni Consiliari > Archivio legislatura 2013-2018 > 2014

n. 275 28.10.2014

BERLINO GIUSEPPE

Si avvicina la ricorrenza delle giornate in memoria dei defunti, per cui le chiedo di verificare che anche quest’anno non capiti quello che succede tutti gli anni, cioè che il posizionamento delle giostre nel Parco Canada renda quelle giornate diversamente da quello che dovrebbero essere, giornate vocianti e rumorose e con musica ad alto volume, che non hanno nulla di rispettoso verso chi va a commemorare i propri defunti.
Rispetto alla vicenda legata alla nostra comunicazione all’ASL, ha ripetuto per ben due volte il fatto che le segnalazioni devono essere comunque fondate e veritiere. Questo mi fa supporre che da parte sua ci sia una sorta di preoccupazione che le nostre segnalazioni non siano fondate. Mi auguro di no, anche perché non ricordo se lei fosse presente ai funerali del nostro ex collega Consigliere e amico Leoni; proprio in quell’occasione, sia io sia il collega Ghilardi, abbiamo avuto modo di recarci, laddove avevamo avuto segnalazioni di questi cattivi odori, cioè in quei corridoi dal numero 9, se non ricordo male, al numero 11, e proprio dai sotterranei proveniva un odore davvero nauseabondo. Credo alle parole di coloro i quali ci hanno testimoniato che alcune donne si sono sentite male recandosi in quei sotterranei, perché io stavo male solo stando al di sopra dei sotterranei e solo passando vicino a quei corridoi. Non so se lei è stata personalmente o sta aspettando che il dirigente dell’ASL, che è uscito, comunichi che cosa ha verificato di persona. Io non so che cosa ci risponderà ma so quello che ho provato io solo ad avvicinarmi in quella zona. Presumo che sia una situazione a rischio. Quello di cui sono sicuro è che quel tipo di odore non può essere causato solo ed esclusivamente dalla mancanza di grondaie che sono state rubate, quindi da acqua piovana che evidentemente già c’è in quel luogo, ma da quello che mi è sembrato, da quella tipologia di odore, le motivazioni devono essere sicuramente altre. Io non le voglio dire, ma ho parlato con qualche operatore di quel cimitero che mi hanno confermato il fatto che ci sono delle perdite da parte di alcuni loculi e alcune bare presenti in quel cimitero. Non ho la pretesa di pensare che lei, Assessore, che è Assessore alla partita da un anno, possa dall’oggi al domani risolvere questioni che evidentemente hanno un carattere di tipo strutturale legato a quel cimitero che abbiamo notato tutti recandoci, almeno io, in quella giornata di commemorazione del collega Leoni. Chi era presente in quella sala del commiato aveva come riferimento un giardino esterno con erbaccia che gridava vendetta. Si guardava quella vetrata che si affacciava sul giardino che tutto sembrava tranne che un giardino che doveva accompagnare il commiato dei defunti. Non voglio sembrare troppo patetico e quindi vado oltre. Vi è collaborazione da parte nostra, le assicuriamo che non c’è nessun tentativo di strumentalizzare nulla, ma solo quello di andare a dare delle risposte ai cittadini e soprattutto cercare risposte anche per quello che noi stessi abbiamo verificato e siamo sicuri che da questo punto di vista la sua attenzione sarà massima.

Risponde l’Assesore Bartolomeo:

È giusto che io dia una risposta al consigliere Berlino. Volevo chiarire una cosa perché probabilmente nella mia spiegazione ho dato modo di pensare altro, da quello che interpreto dalle sue parole. Nel momento che io ricevo una segnalazione, da chiunque arrivi, sia forza politica sia cittadino, che viene da me o mi scrive evidenziando una problematica, il mio verificare non è perché io non creda a quanto mi viene comunicato, anzi è proprio per la responsabilità che sento nello svolgimento del mio ruolo che ritengo sia mio dovere verificare quanto mi viene segnalato perché io possa rendere effettivamente conto di quale sia la situazione. Mi dispiace che sia stata interpretata negativamente questa mia volontà invece di essere parte integrante dei lavori e delle problematiche che sono presentate a questa amministrazione, perché il ruolo di un burocrate non è quello di passare agli uffici un’interrogazione nel momento in cui arriva, ma voglio essere consapevole se c’è una problematica e come risolverla. Mi permetta di dire che è proprio l’opposto di quanto può avere suscito in lei le mie parole e vorrei con questo tranquillizzare non solo lei ma tutte le persone che si rivolgono all’amministrazione, anche lamentandosi, che avranno sempre dall’altra parte delle persone che si assumeranno delle responsabilità e per tale, prima di procedere anche a porre delle soluzioni, come è giusto, bisognerà verificare qual è la problematica. Non ho mai rinnegato, quanto sottolineato come erba alta, il disagio che lei ha sottolineato durante il funerale del signor Leoni, ex Consigliere. Ahimè il tempo di attuare i lavori sono stati successivi alla circostanza che sicuramente non ha fatto onore né alla memoria del consigliere Leoni, che noi abbiamo ricordato in quella sala, né al decoro stesso di quella sala, quindi mi assumo la responsabilità di quanto lei ha sottolineato. Per quanto riguarda la questione degli ossari e il cattivo odore, le posso assicurare che io sono sempre presente come Assessore, anche all’interno del cimitero, e lo giro, dove è di mia competenza e per quanto le mie capacità sono in grado di dare dei suggerimenti ai tecnici, e ho verificato che c’era il cattivo odore e quello che aspetto è di verificare quello che dirà il medico su quanto ha potuto constatare ed eventuali suggerimenti che un medico può dare in queste circostanze, oltre a quello che già noi stiamo attuando. Ribadisco che ho massima fiducia nella competenza e professionalità del medico che ha effettuato il sopralluogo e quindi deduco – non sono un medico ma mi affido chiaramente sulle capacità della persona che è venuta – che qualora avesse ravvisato motivo e condizione di pericolo per l’utenza avrebbe proceduto come la legge prescrive di fare e come noi ci saremmo attenuti a quanto disposto dal medico dell’ASL. Ribadisco quanto ho sempre sottolineato e quanto auspicato dalle forze di minoranza, cioè la massima collaborazione e disponibilità ad accogliere qualunque segnalazione e anche suggerimenti che vogliate presentare per un democratico confronto.

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022