Chi ci amministra > Consiglio comunale > Interrogazioni Consiliari > Archivio legislatura 2013-2018 > 2015

n. 165 28.09.2015

VISENTIN RICCARDO

Una ultima interrogazione, è questa relativa ad un invito che è arrivato oggi che ha come tema il tavolo della povertà e fa riferimento ad un convegno che ci sarà venerdì 9 ottobre e sicuramente il tema è molto interessante, fa seguito a quello che era stato immagino l’incontro a cui avevamo aderito in Villa Ghirlanda, però la mia domanda è questa: quali sono nella legittima scelta politica, nella legittima scelta di andare a verificare quali possono essere gli interlocutori e quali possano essere i relatori dei vari convegni che l’Amministrazione fa e propone.
Ecco qui io vado a leggere quelli che sono alcuni dei relatori degli interventi e il primo nome che vedo, naturalmente il Sindaco è primo, è giusto che sia il primo, secondo nome Daniela Gasparini, Partito Democratico Camera dei Deputati. Su Camera dei Deputati non ho niente da dire, su Partito Democratico in quanto partito dell’atto costituzionale si diceva una volta, ma perché dobbiamo andare a scrivere Partito Democratico per un esponente politico, quando altri esponenti, tra l’altro tutti dello stesso schieramento, vedo l’Assessore di Bologna, uno schieramento, vedo l’Assessore di Sesto sempre di quello schieramento, è mai possibile che per avere un quadro più completo su un tema come questo, non vi fosse un interlocutore, faccio un esempio in Regione Lombardia?
Avevo anche segnalato e questo lo sapete, che Regione Lombardia su questo tema sta facendo un grosso lavoro. E’ stato presentato un progetto di legge su questo tema, perché dobbiamo dal mio punto di vista, dal mio giudizio politico, cadere in facili, semplici, perché vedere i relatori sono tutti dello stesso schieramento politico, allora vuol dire che questi temi appartengono solo a voi? No, non credo, perché al tavolo della povertà giustamente ci sono altri attori, ma gli attori del tavolo della povertà sono altra cosa, non c’entrano niente, io parlo dei relatori, degli esperti, gli esperti appartengono solo alla Sinistra? Alla Sinistra Centro come è Sinistra Centro? Credo proprio di no!
La Regione Lombardia che vi serve ogni tanto per abbellire le vostre decisioni politiche, che a ricaduta avvengono su questa città sui temi come la famiglia, sui temi come il sociale, ricordo da poco la dote sport, la dote scuola, ne beneficiamo tutti sta bene, su altri temi come questi, io desidererei, mi piacerebbe che vi fosse un atteggiamento diverso e di maggiore collaborazione, poi scusatemi ma perché dire Daniela Gasparini Partito Democratico, che senso ha andare a marcare?
Segnate allora tutti, segnate tutti, Assessore di Bologna Italia dei Valori o quello che è diventata, Assessore di Sesto San Giovanni partito, ammesso che appartenga ad un partito, è una cosa che non capisco e mi spiace pensare che questo sia una leggerezza, mi auguro che sia una leggerezza, però io non vedo una leggerezza.
Il continuare a dire che certi temi appartengono ad una parte politica è veramente limitante dal punto di vista della possibilità di confronto e allora queste cose fatele voi, però queste cose in Regione Lombardia arrivano.
Se dobbiamo collaborare Regione e vari Enti, lo si deve fare, anche lei Sindaco fa parte dell’ANCI, è Vicepresidente dell’ANCI Regionale, vuol dire che l’ANCI è espressione di qualsiasi formazione o appartenenza politica e le stesse cose devono accadere quando c’è il patrocinio di un Comune come il nostro, di un Comune importante, dove deve esserci la possibilità di espressione di tutti.
Poi il tema è ottimo, niente da dire, anzi poi ci sarà social market, va tutto bene, su questi temi la massima collaborazione, ma perché marcare però sempre in questo modo, dal mio punto di vista non dico negativo, ma comunque parziale, mi aspetto una risposta con tutta la onestà politica e la voglia di collaborazione.

Risponde l’Assessore Duca:

Rispetto invece all’intervento del Consigliere Visentin mi dispiace che la lettura sia stata questa. Le assicuro che non era assolutamente volontà degli organizzatori quella di marcare per certi versi il terreno. L’indicazione del partito di appartenenza all’onorevole sta in un’indicazione generale, nel senso che la caratterizza semplicemente, ma non c’era una volontà spartitoria. Non c’è stata nemmeno nell’invito all’Assessore di Sesto. La motivazione è data dal fatto che abbiamo condiviso per la prima volta un unico Piano di Zona con l’ambito di Sesto, abbiamo condiviso le linee strategiche, gli obiettivi generali e quindi ci è sembrato giusto che in qualche modo questo emergesse anche a livello territoriale, così come l’invito all’Assessore – che poi sarà un collegamento via Skype – di Bologna nasce semplicemente dalla volontà di proseguire il percorso che avevamo iniziato rispetto al tema del bene comune.
Ribadisco che le iniziative della Regione Lombardia sono molto seguite dal mio Assessorato. Siamo interessati a prendere contatti rispetto al nuovo tema che ci sta molto a cuore che è quello del reddito di cittadinanza annunciato anche dall’Assessore Maroni. Stiamo seguendo tutta una serie di iniziative che proviene dalla Regione Lombardia. Il contesto rispetto al quale abbiamo lavorato è stato quello di dare una priorità assoluta ai referenti locali del tavolo povertà che sono tutti rappresentati.

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022