Chi ci amministra > Consiglio comunale > Interrogazioni Consiliari > Archivio legislatura 2013-2018 > 2015

n. 80 04.06.2015

RICCARDI E DALLA COSTA

PDF - 59.6 Kb
Interrogazione scritta n. 80/2015 RICCARDI e DALLA COSTA

Risponde l’Assessore Ruffa:

L’atto transattivo, la questione del CTP e di ATM: le due questioni non sono direttamente collegate. Per CTP abbiamo fatto una Commissione alla presenza anche del dottor Vergallo, il commissario liquidatore, e abbiamo affrontato la questione delle cause di contenziosi in corso relativi ai rapporti SITAM, CTP e i diversi Comuni afferenti a questo consorzio, ATM per la propria parte e Caronte per le questioni delle linee che esercitava per conto di CTP sui nostri territori, e abbiamo detto chiaramente che si sta lavorando affinché si possa arrivare ad un atto transattivo che sia risolutivo di tutte le cause e i contenziosi in corso. La questione di ATM, invece, riguarda la causa di Monza del SITAM. L’atto transattivo che abbiamo approvato e deliberato in Giunta è l’atto relativo al contenzioso per la gara indetta dal Comune di Milano nel 2009 vinta da ATM e relativa al trasporto pubblico locale. (…) Adesso le spiego, poi vediamo di capire meglio nel dettaglio. Le due questioni non sono tra loro collegate. Sicuramente ci sono delle cause in corso che riguardano i trasporti sia in un caso, sia nell’altro.
Il Comune di Milano nel 2009 ha indetto una gara pubblica in cui ha messo in gara, gara poi vinta da ATM e quindi aggiudicata, tutto il trasporto pubblico locale, compreso il trasporto pubblico esercitato sui nostri territori, quindi tutte le linee del CTP, perché il nostro Comune, insieme ad altri sei, era consorziato presso questo ente per l’esercizio del trasporto pubblico e il Comune di Milano ha messo dentro queste linee, questi chilometri e li ha assegnati in gara. L’aggiudicataria della gara è ATM. I diversi Comuni hanno fatto ricorso presso il Tribunale di Milano, mi sembra di ricordare, perché la gara era, a detta delle Amministrazioni ricorrenti, da considerare illegittima in quanto i Comuni non erano stati resi partecipi in merito ai chilometri afferenti sui propri territori nella fase di costituzione della gara. La causa inerente questo contenzioso è andata in giudizio in primo grado e ha dato ragione ai Comuni. In seguito il Comune di Milano ha ricorso in appello. Alla fine la questione della definizione di questo contenzioso si è trascinata da diverso tempo negli anni e questo ha comportato delle difficoltà nella ridefinizione dei trasporti pubblici, nei pagamenti, perché le varie Amministrazioni non hanno, nel tempo, dal 2010 ad oggi, contribuito ai pagamenti in attesa che si andasse a definire la situazione per il trasporto pubblico che comunque veniva esercito. ATM, tramite il Comune di Milano, evidenziava le difficoltà di non avere riconosciuti i pagamenti per l’esercizio di questi chilometri sui vari territori e quindi si è tentato di andare ad una risoluzione che ci ha permesso di contrattare con un atto transattivo la riduzione dell’importo complessivo a base di gara che i Comuni dovevano all’Amministrazione di Milano. Stasera non c’è il tempo di entrare nel merito economico, risponderemo poi per iscritto con le cifre, però questo è ciò che riguarda l’atto transattivo tra il Comune di Milano e i Comuni consorziati. (…) E’ una delle cause in corso perché il sistema di SITAM è un sistema complessivo che riguarda la bigliettazione, ma non è una causa che rientra nei contenziosi che CTP ha direttamente perché quell’atto transattivo è stato sottoscritto e firmato non da CTP… (…) Se vuole, lo vediamo bene, però l’atto transattivo è un atto pubblico, è stato deliberato dalla nostra Giunta, è stato sottoscritto dai singoli Comuni, ogni Comune per le proprie competenze, e dal Comune di Milano, non da CTP, e quella non è una causa più in corso perché c’è un atto transattivo che quindi ha sospeso la questione. Per tutto ciò che riguarda invece CTP e le altre cause in corso si sta valutando una definizione non solo con ATM, ma anche con Caronte su tutte le questioni che abbiamo visto e discusso anche in Commissione. Poi, se vuole, entriamo nel dettaglio ma diventa complicato farlo adesso.

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022