Chi ci amministra > Consiglio comunale > Interrogazioni Consiliari > Archivio legislatura 2013-2018 > 2017

N. 203 11.12.2017

ZONCA ENRICO

Parlando sempre di lavori pubblici, avrei una domanda da fare all’Assessore competente, perché mi sono molto spaventato quando ho visto recentemente i lavori che stanno avanzando sulla copertura dell’A4, perché è apparso un muro molto alto, che addirittura copre addirittura i primi piani dei palazzi che ci sono di fronte.
In effetti, il progetto che è stato presentato anche in modo molto sommario è sempre stato visto dall’alto e nessuno si è mai reso conto che in realtà non c’era una vera e propria continuità e quindi un collegamento nel quartiere alla creazione di una sorta di piazza, ma avendo visto i primi risultati, come dire il risultato è molto deludente rispetto a quello che ci si aspettava dalla copertura della A4. E’ possibile che questo progetto sia passato così, io penso che i tecnici nostri abbiano valutato le cose, noi lo abbiamo visto di sfuggita con un rendering dall’alto e oltretutto i rendering che sono stati pubblicati erano molto diversi da quello che sta avvenendo nella realtà, quindi vorrei capire se questo è il progetto che si aspettano alla Crocetta, oppure c’è stato qualche cosa di non detto, che adesso ovviamente viene svelato.

Risponde l’Assessore Ruffa:
Per quanto riguarda invece la questione della copertura della A4, ci sono state subito dopo la posa della passerella che abbiamo seguito in diretta, diverse contestazioni rispetto a quanto il progetto non sia come era stato decantato. E invece non è così, quel progetto è un progetto che ha nell’insieme del vantaggio della copertura di quasi 500 metri di autostrada e quindi l’indubbio vantaggio dal punto di vista acustico per quel quartiere, c’è la passerella che va a ricucire il tessuto urbano tra l’asse di via Friuli della Crocetta e la parte al di là del parco Caldara dove è previsto lo skate park, la riqualificazione del parco e, quindi, l’asse di via Matteotti. È chiaro che oggi i lavori sono nella fase iniziale, quindi sono stati posati i primi assi di costruzione di questa passerella ma il lavoro non finisce lì. È vero che le paratie laterali sono abbastanza alte, adesso nel dettaglio non ricordo ma sicuramente sono superiori ai 12 metri e coprono parte dei primi piani ma, per esempio, i condomini di via Sardegna 8 sono stati incontrati appositamente su questa questione, si è incontrato anche l’amministratore Pozzi, hanno visto il progetto e il progetto è stato presentato anche nella sala della parrocchia della Crocetta con i tecnici della società Autostrade e si è risposto a diverse domande, è intervenuto anche il dottor Costanzo del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti in quella sede.
Il progetto è questo, è chiaro che il lavoro è lungo, è complesso e in questa fase è stata chiusa per due notti per due week end successivi l’autostrada per la posa di quelle passerelle, succederà ancora un’altra volta a gennaio per una terza fase di lavorazione. Queste dovrebbero essere le uniche chiusure, poi il resto delle lavorazioni verranno dall’alto. È chiaro che il progetto avrà la durata di almeno un paio di anni e, quindi la struttura della passerella la vedremo tra un po’.
L’Amministrazione ha anche lavorato sulla riqualificazione del tessuto ciclabile di collegamento con questa passerella. Vi ricordo che è stato abbattuto un immobile da parte di società Autostrade che era la struttura ormai dismessa su via Friuli, proprio per permettere la realizzazione di questa passerella che sarà poi collegata con l’infrastruttura ciclabile che abbiamo finanziato con il bando periferie e che andrà a realizzare oltre che la passerella di scavalco di viale Fulvio Testi, quindi il collegamento tra il quartiere Crocetta di viale Romagna in superfice con l’area dello shopping center dove c’è la Decatlon e il Lidl e l’infrastruttura ciclabile in collegamento con il controviale della città metropolitana che arriverà fino a via Friuli, collegando la rete ciclabile con questa passerella di Società Autostrade e quindi della copertura della A4. In quel quartiere non saprei cosa altro immaginare.

Parlando sempre di lavori pubblici, avrei una domanda da fare all’Assessore competente, perché mi sono molto spaventato quando ho visto recentemente i lavori che stanno avanzando sulla copertura dell’A4, perché è apparso un muro molto alto, che addirittura copre addirittura i primi piani dei palazzi che ci sono di fronte.
In effetti, il progetto che è stato presentato anche in modo molto sommario è sempre stato visto dall’alto e nessuno si è mai reso conto che in realtà non c’era una vera e propria continuità e quindi un collegamento nel quartiere alla creazione di una sorta di piazza, ma avendo visto i primi risultati, come dire il risultato è molto deludente rispetto a quello che ci si aspettava dalla copertura della A4. E’ possibile che questo progetto sia passato così, io penso che i tecnici nostri abbiano valutato le cose, noi lo abbiamo visto di sfuggita con un rendering dall’alto e oltretutto i rendering che sono stati pubblicati erano molto diversi da quello che sta avvenendo nella realtà, quindi vorrei capire se questo è il progetto che si aspettano alla Crocetta, oppure c’è stato qualche cosa di non detto, che adesso ovviamente viene svelato.

Risponde l’Assessore Ruffa:
Per quanto riguarda invece la questione della copertura della A4, ci sono state subito dopo la posa della passerella che abbiamo seguito in diretta, diverse contestazioni rispetto a quanto il progetto non sia come era stato decantato. E invece non è così, quel progetto è un progetto che ha nell’insieme del vantaggio della copertura di quasi 500 metri di autostrada e quindi l’indubbio vantaggio dal punto di vista acustico per quel quartiere, c’è la passerella che va a ricucire il tessuto urbano tra l’asse di via Friuli della Crocetta e la parte al di là del parco Caldara dove è previsto lo skate park, la riqualificazione del parco e, quindi, l’asse di via Matteotti. È chiaro che oggi i lavori sono nella fase iniziale, quindi sono stati posati i primi assi di costruzione di questa passerella ma il lavoro non finisce lì. È vero che le paratie laterali sono abbastanza alte, adesso nel dettaglio non ricordo ma sicuramente sono superiori ai 12 metri e coprono parte dei primi piani ma, per esempio, i condomini di via Sardegna 8 sono stati incontrati appositamente su questa questione, si è incontrato anche l’amministratore Pozzi, hanno visto il progetto e il progetto è stato presentato anche nella sala della parrocchia della Crocetta con i tecnici della società Autostrade e si è risposto a diverse domande, è intervenuto anche il dottor Costanzo del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti in quella sede.
Il progetto è questo, è chiaro che il lavoro è lungo, è complesso e in questa fase è stata chiusa per due notti per due week end successivi l’autostrada per la posa di quelle passerelle, succederà ancora un’altra volta a gennaio per una terza fase di lavorazione. Queste dovrebbero essere le uniche chiusure, poi il resto delle lavorazioni verranno dall’alto. È chiaro che il progetto avrà la durata di almeno un paio di anni e, quindi la struttura della passerella la vedremo tra un po’.
L’Amministrazione ha anche lavorato sulla riqualificazione del tessuto ciclabile di collegamento con questa passerella. Vi ricordo che è stato abbattuto un immobile da parte di società Autostrade che era la struttura ormai dismessa su via Friuli, proprio per permettere la realizzazione di questa passerella che sarà poi collegata con l’infrastruttura ciclabile che abbiamo finanziato con il bando periferie e che andrà a realizzare oltre che la passerella di scavalco di viale Fulvio Testi, quindi il collegamento tra il quartiere Crocetta di viale Romagna in superfice con l’area dello shopping center dove c’è la Decatlon e il Lidl e l’infrastruttura ciclabile in collegamento con il controviale della città metropolitana che arriverà fino a via Friuli, collegando la rete ciclabile con questa passerella di Società Autostrade e quindi della copertura della A4. In quel quartiere non saprei cosa altro immaginare.

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Per informazioni: info@comune.cinisello-balsamo.mi.it
    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022