Chi ci amministra > Consiglio comunale > Interrogazioni Consiliari > Archivio legislatura 2013-2018 > 2013

n. 139 19.12.2013

DI LAURO ANTONIO

Inizio con le interrogazioni e intanto ringrazio il signor Sindaco che mi evita di fare un’interrogazione in merito alle designazioni delle due figure che aspettavamo visto che entro il 27 settembre si chiudeva il bando che avevamo fatto per gli amministratori unici sia per la società AMF, sia per la società Nord Milano. Nulla da eccepire sul nome che lei ha fatto per il Nord Milano Ambiente perché, le dico la verità, ho chiesto all’ufficio di avere i curricula presentati e ho letto molto attentamente il curriculum di questo signore e penso che sia la persona giusta. Da quello che scrive nel suo curriculum penso che abbia davvero le capacità per poter fare bene per quella società.
Di tutt’altra natura è la nomina dell’amministratore unico di AMF Spa. In riferimento a questa nomina leggo per non sbagliare e soprattutto per essere preciso nelle parole, signor Sindaco. Visto che non c’è il Vicesindaco, mi rivolgo a lei, anche perché il decreto sindacale l’ha firmato lei e l’ha portato in proposta all’Assemblea… (voce del Sindaco fuori microfono ).
prosegue il Cons. Di Lauro: Certo, per fortuna e mi auguro che l’Assemblea non avvalli il suo decreto o la sua proposta.
"In riferimento alla nomina di amministratore unico di AMF Spa del signor Lacagnina Pasquale" – "signor", mi permetta, signor Sindaco, e non "dottor" come l’ha chiamato lei, perché signori si nasce e dottori si diventa – "da parte del Sindaco attraverso decreto sindacale" – che arriverà – "avvenuto a seguito della valutazione dei curricula da parte della Commissione preposta, chiedo: di invitare al prossimo Consiglio comunale tutti i componenti della Commissione per consentire ai Consiglieri tutti di poter approfondire nel merito le ragioni che hanno portato a questa designazione, nonché i criteri adottati nella selezione per la scelta designata; desidero ricevere il verbale che ha configurato la scelta fatta" – naturalmente della seduta in cui la Commissione si è ritrovata – "Tale approfondimento si rende indispensabile in quanto da una prima disanima dei curricula protocollati non ho riscontrato elementi qualificanti che si contraddistinguono e mi consentono di ritenere la scelta frutto di una valutazione oculata. Ritengo che vi erano figure professionali più idonee per ricoprire questo incarico di amministratore unico rispetto alla scelta fatta, tra l’altro in un momento così delicato per AMF Spa, attraverso tre possibili valutazioni di fondo che sono: 1) privilegiando comodamente la continuità; 2) individuando una maggiore competenza di settore; 3) scommettendo su un alto profilo manageriale anche se proveniente da altro settore, e nei curricula presentati" – mi consenta, signor Sindaco – "vi erano persone di spicco e con successo manageriale e gestionale di business di alto profilo. Signor Sindaco, con la nomina fatta ritengo che nessuna di queste valutazioni sia presente, ragion per cui solo l’esclusivo confronto con i commissari preposti potrà dissuaderci dal formalizzare una denuncia ad organi quali la Procura della Repubblica e la Corte dei Conti. Ritengo pertanto che un passaggio, un confronto con la Commissione sia oggi l’unico atto di democrazia e di trasparenza a disposizione del Consiglio per valutare alla luce del sole la qualità della scelta fatta".
Inoltre voglio aggiungere che l’articolo 26 dello Statuto dell’AMF prevede che nelle controversie ci sia l’arbitrato e all’interno dello Statuto che abbiamo deliberato vi è che questa figura è il Presidente del Tribunale di Milano o suo mandatario. Io eviterei che si arrivasse a ciò, anche perché proprio ieri abbiamo perso l’ultima causa proprio con la AMF nei confronti di un ex direttore generale, al quale abbiamo dovuto pagare dei soldi perché purtroppo ne avevamo utilizzato nome e cognome quando non era più in quella posizione.
Io non conosco questo signore, ho solo letto il suo curriculum, tra cui vi è la fotografia. Penso che sia una persona perbene per quello che fa, fa del volontariato, si è sempre dato da fare, però penso che per fare l’amministratore di un’azienda ci voglia ben altro e fra i nove curricula che sono stati presentati c’erano persone molto più qualificate rispetto a lui che non riesco a capire come mai non siano state prese in considerazione.
Per di più ricordo che una legge regionale del 2008 aiuta la nostra causa dicendo che se uno non ha una laurea o non è dimostrata la sua capacità nella disciplina con almeno cinque anni di amministrazione, certi ruoli non si possono ricoprire.
Io inviterei il signor Sindaco a rileggere il curriculum di questa persona, oppure devo pensare che come sempre – e con lei, signor Sindaco, pensavo che le cose sarebbero andate diversamente – devo pensare che come sempre, per una spartizione di posti, anche questa volta ha vinto la politica perché abbiamo messo al posto giusto la persona giusta per la politica, quando lei ha sempre detto in quest’Aula che voleva premiare le qualità delle persone, la professionalità. Io ci credo in quello che lei dice, anche perché non parla a vanvera, la conosco da un po’ e mi dispiace che sia caduta nuovamente su una buccia di banana per dare credito forse ad una Sinistra che la schiaccia, la Sinistra PD, visto che lei è un po’ più a Sinistra; se si spostasse, non sarebbe male, signor Sindaco.

PDF - 60.2 Kb
Risp. 2013 n. 139 DI LAURO
  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022