Chi ci amministra > Consiglio comunale > Interrogazioni Consiliari > Archivio legislatura 2013-2018 > 2013

n. 100 13.11.2013

SCAFFIDI FRANCESCO

Devo fare un grande plauso all’Assessore Ruffa sempre parlando della pista ciclabile di Via XXV Aprile, perché lei effettivamente ha fatto mettere a norma la pista ciclabile di Via XXV Aprile. Mancava la segnaletica, però purtroppo è ancora pericolosissima perché i cittadini indipendentemente dai cartelli non sono stati sensibilizzati abbastanza perché continuano a fare il doppio senso ed è pericoloso. Oltretutto all’altezza dell’angolo via Togliatti invece di arrivare al semaforo tagliano. Sono chiamato in causa perché avendo il box all’uscita del 182 mi trovo il ciclista che taglia e se esco dal box ci può scappare il morto. Io mi auguro di no ma purtroppo è così. Lei giustamente dice che la segnaletica c’è, ma mi auguro che sensibilizziate ancora di più i ciclisti a non fare questo perché sono ancora abituati al doppio senso, quindi vi consiglio di sensibilizzare il ciclista affinché non faccia questo, perché fino ad oggi è andato tutto bene ma sicuramente qualcosa di grave succederà. Succede che si spostano e invece di andare al semaforo tagliano, tagliando uno se lo trova davanti e quindi praticamente se lo trova sotto la macchina. Capisco che la segnaletica c’è ma chiedo di sensibilizzare in maniera diversa il ciclista di non fare il doppio senso. Veda lei che cosa può fare in merito.

Risponde l’Assessore Ruffa:

Per quanto riguarda la pista ciclabile in via XXV aprile, è stata recentemente ritinteggiata, sono stati aggiunti tutti i segnali nelle intersezioni stradali per la segnaletica verticale, sono state inserite tutte le parti relative alla segnaletica orizzontale addirittura in eccesso rispetto all’obbligo di legge per segnalare con le frecce e il simbolo della bicicletta il fatto che la pista ciclabile per dimensione è monodirezionale secondo il senso di marcia, come comunque era già prima, ma semplicemente nel dover risistemare la segnaletica orizzontale abbiamo cercato di incentivare il fatto che visivamente fosse chiaro che non poteva essere percorsa in senso contrario. La pista da percorrere in senso contrario è quella di via Monte Ortigara e via Ariosto, che è la parallela alla via XXV aprile. Le piste sono così completamente a norma rispetto al codice della strada e rispetto a tutta la segnaletica verticale e orizzontale, ma se i cittadini la percorrono in senso contrario chiaramente ci può essere il rischio di incidente e la colpa in quel caso è del cittadino che utilizza in modo scorretto la pista ciclabile e se ci sono i vigili interverranno comunque con una sanzione rispetto al mancato rispetto del codice della strada. Di più non si può fare. Pubblicamente abbiamo più volte detto che quella pista è una pista mono-direzionale in senso di marcia, anche perché se fosse una pista bidirezionale dovrebbe essere di dimensione superiore, quindi non sarebbe a norma, per permettere il traffico dei veicoli ciclabili in senso contrario rispetto al senso di marcia della carreggiata la pista ciclabile dovrebbe trovarsi sul lato opposto della strada dove attualmente sono presenti i parcheggi e dovrebbe avere un cordolo di protezione di un’altezza di 50 centimetri. Non siamo in questa condizione, la pista ciclabile è messa in corrispondenza del lato destro della strada, come riporta il codice della strada per le piste ciclabili in senso di marcia, non necessita di protezione proprio perché è in senso di marcia rispetto alla carreggiata stradale e l’unica questione è che i cittadini devono rispettare sia nel momento in cui utilizzano il veicolo a motore sia quando utilizzano la bicicletta il codice della strada.

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022