Chi ci amministra > Consiglio comunale > Interrogazioni Consiliari > Archivio legislatura 2013-2018 > 2013

n. 120 19.12.2013

SCAFFIDI FRANCESCO

Assessore Ghezzi, ho letto sui giornali che alcuni commercianti si sono rivolti a lei per dilazionare la TARES e lei ha risposto che non è possibile, quando risulta, a detta dei commercianti, che alcuni comuni limitrofi l’hanno fatto. Se fossi in lei preferirei dilazionare la tassa perché comunque è meglio dilazionarla e percepire un tot di soldi che far sì che il commerciante non paghi, perché nel momento in cui non paga lei deve mettere la cartella esattoriale con Equitalia e senza sapere quando prenderà i soldi. Quindi se il commerciante giustamente ha fatto una richiesta di dilazionare l’importo io sarei di quel parare. A parte il fatto che abbiamo messo a bilancio presunte entrate che sicuramente non entreranno mai, come quelle delle multe, quindi verrei incontro ai commercianti, soprattutto in un periodo di crisi come questo, e preferirei prendere poco ma comunque alla fine portare il risultato a casa ma facendo così lei aggrava ancora di più le casse del Comune. Spero che lei ci ripensi e convochi il presidente dei commercianti, convochi loro o se non li vuole convocare comunque faccia un’iniziativa insieme alla Giunta e al Sindaco per sanare questa situazione.

Risponde il Vicesindaco Ghezzi:

Per quanto riguarda la TARES, è un problema, è chiaro, ci rendiamo perfettamente conto. La situazione è sotto controllo, nel senso che l’aumento medio è pari del 12 per cento. Ci sono state alcune situazioni dove, dal momento che si è modificato il regolamento, gli aumenti sono stati più considerevoli. Per quanto riguarda la rateizzazione abbiamo detto di no perché comunque non è prevista a livello di norma e comunque, sì, avrebbe creato problemi di bilancio. E’ ovvio che nel 2014 cercheremo di prendere in mano la situazione in maniera diversa, quest’anno è stato un anno dove tutto è stato portato avanti dal commissario, noi ci siamo trovati a gestire una situazione. E’ ovvio che ci assumiamo la responsabilità per quello che ci compete e nel 2014, sperando che il quadro normativo possa aiutarci a essere più chiari, cercheremo di intervenire per contenere al massimo queste situazioni, valuteremo poi le situazioni di insoluto, vedremo come gestirle.

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022