Chi ci amministra > Consiglio comunale > Interrogazioni Consiliari > 2022

N.65 04.04.22

VAVASSORI

Ultima considerazione, è questa la cosa più importante per me, il discorso M1 e M5. Il giornale ha riportato che c’è stata una riunione del Sindaco con quelli di MM Milano, a febbraio, in quell’articolo, ad un certo punto, di quella riunione dove si doveva parlare, appunto, di M5, proseguimento, progetto, a che punto è, non c’è stato nessun comunicato, nessuno ha detto niente e non sappiamo più niente, ci farebbe piacere sapere che cosa ha deciso in quella riunione, a che punto è il progetto M5, compreso, poi, il progetto M1. È una vita, non è certamente colpa vostra di questa roba qui, ma sapere a che punto siamo di questa roba ci farebbe veramente piacere come cittadini più che altro, oltre che Consiglieri. Quello che m’interessa di più, però, è la M5 perché sulla M5 non sappiamo proprio niente, ad esempio, è stato approvato lo sbinamento, ci sono già i primi finanziamenti, sono già state definite le fasi progettuali, come farle, non si sa, sarebbe interessante che ad un certo punto la Giunta pubblicasse qualcosa su questo.

RISPOSTA ASSESSORE ZONCA
Di conseguenza c’è anche M5, perché una delle fermate di M5 passa proprio dal PII “Bettola” e l’operatore privato si è impegnato a realizzare delle opere aggiuntive rispetto a quelle che erano state richieste da quell’accordo di programma, proprio per cercare di evitare la sovrapposizione di due operatori diversi, perché le metropolitane sono realizzate con progettate con progettazione di MM SpA e con la De Carli, un’impresa che ha preso l’appalto di M1. Su M5 non è ancora stato fatto nessun bando. Recentemente la Giunta comunale ha valutato tutta la problematica della cantierizzazione di M5, perché non pensiate che basta fare un bando e si parte. La settimana scorsa ci siamo riuniti e abbiamo guardato fermata per fermata di Cinisello Balsamo e anche quelle oltre Cinisello Balsamo, per vedere esattamente com’è il disegno del cantiere e come verrà modificata la viabilità nel periodo di cantierizzazione, che non sarà un periodo di 2 mesi, sarà un periodo di 4 anni, quindi, abbiamo fatto, fermata per fermata, tutta una serie di osservazioni che riguardano la limitazione dei disagi che inevitabilmente ci saranno quando inizieranno questi cantieri, in particolare su Via Lincoln era prevista una restrizione di carreggiata, abbiamo proposto una soluzione per fare una sorta di deviazione sul viale e mantenere le due corsie per ogni senso di marcia. Ci sembra il minimo, altrimenti, se creiamo gli imbuti anche all’interno della città vuol dire che la blocchiamo per 4 anni. Così come, ad esempio, i lavori che riguardano la fermata Parco Nord, prevedono la demolizione della passerella per andare al Parco Nord, quindi, prima abbiamo chiesto che deve essere realizzata un’altra passerella per consentire almeno agli studenti di attraversare il viale in totale sicurezza e poi abbattere quella esistente, così come il percorso della 31, adesso non vorrei creare il panico subito, però, la Metrotranvia 31, in occasione dell’avvio del cantiere di M5, verrà interrotta. È prevista l’interruzione, da parte di ATM, del servizio della 31 sostituito con degli autobus.
Anche qui è chiaro che dobbiamo limitare i disagi alla cittadinanza. Nel documento che ha scritto MM del Comune di Milano è prevista un’interruzione del servizio per cinque o sei mesi, però, sapendo come sono andate le cose con il prolungamento di M1, la linea rossa, le dico: questi 5 mesi, ci metto due mani sul fuoco, non una, quindi sto bene attento a non scottarmi. Il fatto che sia stato presentato tutto il progetto di cantierizzazione di tutte le varie fermate, sono 4 che interessano Cinisello Balsamo, su M5, è un segno positivo, l’unico elemento negativo è che non ci è stato presentato un cronoprogramma, perché il cronoprogramma deve essere fatto quando è stato pubblicato il bando, essendo un bando europeo, perché è un bando di oltre 1 miliardo di euro, diciamo che MM, come al solito, è in ritardo su queste cose.
Avevamo già previsto, comunque, anche la contribuzione del Comune di Cinisello Balsamo, nel Bilancio già 2022, speriamo di poterlo mantenere, se non sarà 2022 sarà 2023, però dobbiamo garantire, comunque, il nostro contributo per questa Metropolitana che per Cinisello Balsamo è fondamentale.

CONSIGLIERE CATANIA
Per il resto che dire dell’intervento dell’assessore Zonca, il primo che ricorda di essere ancora mentalmente in Minoranza, lo notiamo in ogni suo intervento, d’altronde siamo qui ancora ad aspettare qualche risultato. Due cose che mi vengono da dire: Assessore, lei dice di parlare al futuro e ci parla ancora del passato, le vorrei dire che il Bando Periferie, quando c’è un’occasione di finanziamento di questo tipo, s’interviene sulla base delle condizioni in essere, dopodiché, se ci sono elementi che aiutano, tra cui quello della perizia, ci si siede al tavolo e si capisce se e possibile fare una variazione rispetto al progetto presentato, perché era possibile farlo. Ancora non ho capito se in questi 4 anni si è preso atto di una condizione oppure si è cercato di lavorare, in qualche modo, per mantenere un finanziamento, perché altrimenti prendiamo in giro i cittadini e facciamo comunicazione politica per buttarli in caciara e rispetto al PII “Bettola”, Assessore, l’accordo di programma prevedeva un cronoprogramma vincolante, in qualche modo. Sono andato a riguardarmi gli articoli e si parla di numerose attività di cronoprogramma vincolante, ora se l’operatore è in ritardo e non ci sono elementi tali da giustificare questo ritardo, mi aspetto che venga fatto valere l’interesse pubblico, perché, paradossalmente, siamo quasi a ringraziare che siano in ritardo i lavori della M1, perché se fossero puntuali ci troveremmo il capolinea dell’M1 inaugurato senza il Parcheggio d’Interscambio Intermodale, quindi, paradossalmente siamo quasi a dire: “Menomale che sono in ritardo”. Io non dico: “Menomale che sono in ritardo”, quindi, mi aspetto che la parte politica e la Giunta, se c’è un ritardo, chiedano il rispetto del cronoprogramma e se ci sono degli elementi sostanziali che portano ad un ritardo del cronoprogramma intervengono, in qualche modo, per chiedere un ritorno, proporre delle modifiche, che siano parti attive, non un soggetto passivo, perché è interesse pubblico del nostro territorio, Assessore. Se se interpretiamo la politica come lo stare seduti ad aspettare gli eventi, gli Assessori, non possiamo chiamare il primo che passa per strada.

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022