Chi ci amministra > Consiglio comunale > Interrogazioni Consiliari > 2022

N. 42 01.04.2022

VAVASSORI

PDF - 104.9 Kb
interr 42 2022 VAVASSORI

Riprendo una vecchia mia interrogazione fatta dalla precedente Consiliatura, fatta anche in questa Consiliatura, che riguarda l’area del servizio ex Eni in Via Cadorna.
Quando ho fatto l’interrogazione a suo tempo nella Consiliatura precedente mi hanno detto: quella roba lì la sistemeremo quando faremo la rigenerazione di Piazza Italia, benissimo, ho accettato che aspettavo la rigenerazione di Piazza Italia, però, al momento non si sa più niente. Rigenerazione di Piazza Italia non vorrei fosse sempre legata a Piazza Gramsci, sono due cose che si possono fare separatamente, non è obbligatorio legarle, anche perché l’intervento su Piazza Italia non era così gravoso. Quell’area di servizio Eni, avevo, a suo tempo, chiesto, visto che è in una posizione confinante con i giardini di Piazza Italia, poteva essere di un’utilità, essendo piccola, perché sono circa 500 metri quadri, ho calcolato, non è un’area tale per cui il proprietario ci possa costruire o fare progetti particolari. Potrebbe essere molto utile, dal punto di vista di pubblica utilità o trasformarla in un’estensione di giardini o, cosa migliore sarebbe farla diventare l’area cani di Balsamo perché a Balsamo non c’è un’area cani, per cui si potrebbe chiedere ad Eni cosa vuole per farla acquisire, non si può pensare all’esproprio, si può pensare ad acquisto in modo amichevole, non so quale sia la formula migliore, ma usarla. È lì abbandonata da oltre 10 anni, non si sa cosa farne, potrebbe essere utile come area cani, oppure estensione dei giardini, perché potrebbe essere utile quel discorso oppure fare addirittura un parcheggio, perché lì c’è un pezzetto di proprietà comunale che viene usato come parcheggio, quindi fare tutto un parcheggio, farla diventare di pubblica utilità e non lasciarla lì inutilizzata in mano ad un Ente come l’Eni che non ne sa fare niente di quella roba lì.
Vorrei sapere – vorrei una risposta scritta – a che punto è questa rigenerazione di Piazza Italia, perché non si sa più niente, è scomparsa, peggio di Piazza Gramsci, almeno in Piazza Gramsci erano stati fatti, inizialmente, degli studi, dei progetti, poi, invece, niente, ormai sono passati 4 anni della vostra Giunta, vorrei sapere che fine ha fatto quella Piazza Italia.
RISPOSTA ASSESSORE ZONCA
Secondo punto: Piazza Italia. Come mai, partendo da quell’area piccola che avevo notato anch’io tempo fa, non si procede alla riqualificazione di Piazza Italia? Cercando di rialzare un attimo il livello, voi sapete benissimo che la riqualificazione di Piazza Italia e Piazza Gramsci, insieme ad altre piccole operazioni di collegamento, sono legate all’accordo di programma del PII “Bettola”.
Il PII “Bettola” di fatto, causa pandemia, causa del fatto che gli operatori hanno ripensato che una struttura del genere non è più adatta alla città del futuro, sostanzialmente, quindi si sta ripensando anche al modello di struttura che verrà fatta, queste sono opere di compensazione, compresa questa di Piazza Italia, non è che costino 2 lire, costano quasi 800 mila euro mi pare, che erano state inserite in quest’accordo di programma, senza delle scadenze certe. Quello che stiamo facendo oggi, che tutte le operazioni, piccole o grandi che ci siano, prevedono, nella convenzione, che tutte le opere debbano essere realizzate entro 36 mesi, indipendentemente da quello che succederà nel cantiere che ha ottenuto la concessione edilizia, questo mi sembra l’ABC di una Pubblica Amministrazione, in questo caso non è inserita questa, non sono inseriti questi vincoli, quindi, stiamo, faticosamente – ve lo dico con tutto il cuore – molto faticosamente, cercando di trattare, con la società privata, sulla realizzazione, prima che facciano il loro ripensamento sul Centro Commerciale, non c’è solo il Centro Commerciale, ci sono anche delle palazzine di terziario, prima che ripensino a quella cosa, mettono a cantiere le opere che si erano impegnati a fare che sono: Piazza Gramsci, Piazza Italia e delle piste ciclabili. Siamo a buon punto, nel senso che abbiamo fatto un elenco, è un atto interno, non è pubblico, di tutte le opere che dovrebbero essere realizzate e che non sono queste tre che vi ho accennato, ce ne sono moltissime altre, c’è la sistemazione dei parcheggi e altre cose, tutte a scomputo oneri, ovviamente, che, quindi, a buon cuore, a capacità dell’Ufficio Tecnico e degli operatori, verranno realizzate. Quella più semplice da realizzare è esattamente quella che ha citato lei, cioè, Piazza Italia, è l’opera pubblica più semplice da realizzare, semplice relativamente, ovviamente.
Consideriamo che è un’opera pubblica e tutte queste opere pubbliche richiedono la regolamentazione degli appalti pubblici, quindi, teoricamente, succederà anche per Piazza Gramsci. L’operatore cosa ha scritto nella convenzione? Che l’operatore privato s’impegna a finanziare la progettazione e la realizzazione di quest’opera pubblica, ma l’opera pubblica deve essere fatta con un bando pubblico e per fare un bando pubblico tu devi averli già i soldi, se no che cosa fai, fai un bando da 1 milione di euro senza avere 1 milione? Diventa pesante. Finora non è stato versato nulla, infatti, voi lo vedete anche nel Piano delle Opere Pubbliche, ci sono ancora queste opere, sono entrate accertate, ma mai pervenute, quindi, capite la difficoltà che c’è per un errore a monte che è stato fatto nella complessità di quest’accordo di programma? La nostra intenzione, almeno, è quella di andare di nuovo a concordare, a ricontrattare quest’accordo di programma. Non è una cosa semplice, è una cosa complicatissima, perché richiede anche l’intervento regionale, tutta una serie di questioni, però, purtroppo, è un peccato originale che ci trascineremo ancora per i prossimi anni, perché non pensiate che il famoso hub da mille posti di lavori che era stato strombazzato proprio da questi banchi non lo vedremo per i prossimi anni perché l’operatore privato ha cambiato idea. Questo in soldoni.

CONSIGLIERE VAVASSORI
Assessore Zonca, va bene per Piazza Italia, che dice che è vincolata, anche se certe cose si possono fare, secondo me, però quando ho fatto l’interrogazione, quasi tre anni fa, fu l’area dell’ex stazione di servizio, quello non c’entra niente, erano quelli di prima che mi hanno detto che sarebbe stata sistemata. Mi piacerebbe sapere, in modo scritto, qual è l’idea che ha la Giunta, l’Amministrazione, su quell’area, perché è un’area piccola, abbandonata da oltre 10 anni, non utilizzata, che avrebbe una buona funzione pubblica, di interesse pubblico, si tratta solo di decidere di volerlo fare o no, è indipendente del discorso del PII Bettola. Per chiarire, a me interessa quella lì, l’ho agganciata perché c’era anche la rigenerazione di Piazza Italia.

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022