Area Stampa > Comunicati Stampa > 2020 > Maggio 2020

Modificato il Regolamento della Polizia Locale: ancora più sicurezza e decoro per la città

Il Comune di Cinisello Balsamo aggiorna il Regolamento di Polizia urbana integrandolo con una serie di misure di tutela, decoro del territorio e sicurezza urbana.
Il documento, approvato ieri sera dal Consiglio comunale, andrà a sostituire il precedente in vigore dal 2014.

"A distanza di 6 anni era indispensabile aggiornare il Regolamento a disposizione dell’Ente in relazione alle nuove normative introdotte per garantire sempre più sicurezza e migliorare il decoro urbano – ha spiegato il sindaco Giacomo Ghilardi.

“Questo strumento permetterà alla Polizia Locale di intervenire più puntualmente sulle situazioni che ci vengono spesso segnalate dai cittadini - aggiunge il vicesindaco con delega alla Polizia Locale Giuseppe Berlino -. Il nuovo regolamento permette di far diventare stabili e durature alcune misure e provvedimenti mirati e temporanei come l’ordinanza. Questo per garantire ulteriore sicurezza a quelle zone della nostra città che possono essere soggette a maggiore criticità. Le misure previste a tutela del decoro urbano diventano una modalità “strutturata” di agire nel controllo del territorio".

In primis, nel nuovo regolamento vengono introdotte le due ordinanze antidegrado già in vigore e decise del sindaco Giacomo Ghilardi: quella relativa al divieto di consumo di bevande alcoliche in contenitori di vetro e lattine in luoghi pubblici e quella che vieta la sosta e lo stazionamento per gli autocaravan e furgoni utilizzati come alloggio in alcune aree della città. La sanzione amministrativa prevista per chi viola le disposizioni va da Euro 50,00 a Euro 300,00.

Inoltre si estendono ulteriormente le aree attenzionate, ovvero quelle sulle quali vige l’ordine di allontanamento per i soggetti che pregiudicano il decoro urbano.
Nel Regolamento di Polizia in vigore erano presenti solo alcuni luoghi di particolare interesse: le ville storiche Ghirlanda Silva e Breme Forno con i rispettivi parchi, piazza Gramsci e l’area del Centro Culturale Il Pertini, Piazza Campo dei Fiori, il Parco di Viale Margherita e il giardino di via Toti.
Rientreranno nelle aree soggette a misure di tutela del decoro urbano anche: via Libertà (da via Cantore a Piazza Turati, compresi i portici), piazza Costa, viale Rinascita (da via Cadorna a via Robecco, compresi i portici), il parcheggio delle attività commerciali compreso tra le vie: Monte Grappa, Corridoni e Paisiello, l’area verde compresa tra le vie Gozzano, De Sanctis, Dei Partigiani e Canzio; via Friuli, viale Romagna, via Sardegna, compresi portici; via del Carroccio, via da Giussano e via Giolitti; i parcheggi e le aree verdi ricomprese nel raggio di 300 metri dagli istituti scolastici Manzoni, Friuli, Sardegna, Giolitti, Zandonai, Costa e Morandi.

Al nuovo regolamento si aggiungono altre importanti novità per combattere il degrado e migliorare l’aspetto della nostra città.
A questo proposito sarà vietato lasciare in stato di fatiscenza o sporcizia saracinesche e vetrine di negozi non utilizzati, luci, targhe, bacheche. In caso di inosservanza dell’obbligo decadranno le relative autorizzazioni rilasciate.
Ogni nuovo monumento, tabernacolo, targa o lapide commemorativa deve essere esplicitamente autorizzato dal Comune.
Da ultimo le vetrine degli esercizi di vicinato devono essere mantenute in buono stato e devono essere esteticamente decorose al fine di preservare la tradizione e le caratteristiche del luogo. In particolare, è vietato l’utilizzo e l’installazione di insegne, arredi, attrezzature o infissi che siano sporchi o fatiscenti e che non permettano la corretta esposizione delle merci. Non è permesso inoltre utilizzare il retro degli scaffali e degli espositori come fronte vetrina.

Data ultima modifica: 15 maggio 2020
  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022