Area Stampa > Comunicati Stampa > 2020 > Luglio 2020

I droni mappano l’amianto sui tetti della città

Comunicato stampa del 2 luglio 2020

Una mappatura della presenza dell’amianto sui tetti della città. E’ stata realizzata grazie ai droni durante il periodo di blocco degli aeroporti di Linate e parzialmente di Bresso a causa dell’emergenza Coronavirus.
L’Amministrazione comunale di Cinisello Balsamo ha sfruttato il periodo del lockdown per accelerare un progetto di impiego dei droni per inventariare gli edifici che potenzialmente presentano problemi legati alla presenza di amianto. E’ stata richiesta la dovuta autorizzazione al sorvolo da parte di Enac, così da non interferire col traffico aereo,

I droni utilizzati erano dotati di un’attrezzatura ottica molto sofisticata (4cm/pixel) e hanno permesso, attraverso algoritmi e l’analisi spettrografica delle coperture, di individuare 186 coperture (per un totale di 62.950 mq), alcune delle quali mai segnalate dai proprietari, con la sospetta presenza di materiali basati sul famigerato Eternit o suoi derivati, che corrisponde a 944 tonnellate di materiale ancora da smaltire.
L’algoritmo e l’analisi spettrometrica ha permesso anche di classificare in tre categorie lo stato di degrado delle coperture individuate, in pessimo, scadente e discreto, per cui è stata redatta anche una mappa di rischio potenziale per le aree circostanti e le priorità di intervento.

“Il dato assoluto non deve spaventare eccessivamente, poiché a Cinisello Balsamo il rapporto materiali contenenti amianto in metri quadri per abitante è di 0,82: un valore che pone la città nella fascia di rischio medio-basso. Questo importante progetto ha permesso finalmente di fissare la situazione reale della città, così da poter intervenire e risolvere il problema dello smaltimento e della sostituzione dei materiali di copertura”, ha spiegato l’assessore all’Urbanistica Enrico Zonca.

Partendo dalle 24 coperture che presentano uno stato di degrado “scadente”, verrà attivata in tempi brevi la procedura nei confronti dei proprietari di richiesta di una relazione specifica e delle azioni previste per la rimozione. Questo periodo potrebbe essere particolarmente conveniente per interventi di questo tipo, dato che, oltre agli incentivi per la rimozione dell’amianto, ci sono altre opportunità fiscali per riqualificare i tetti introducendo anche forma di produzione di energia alternativa, come i pannelli fotovoltaici o il solare termico. Se queste operazioni fossero accompagnate anche da un’azione di risparmio energetico, si potrebbe anche accedere al superbonus del 110% previsto nel DL Rilancio.

Soddisfatto del risultato, l’assessore all’Urbanistica e al Territorio Enrico Zonca ha aggiunto: “Finalmente Cinisello Balsamo si è dotata di uno strumento tecnico per il completo monitoraggio della presenza di questo pericoloso materiale su tutto il territorio comunale. La speranza è che i proprietari, privati o pubblici che siano, si attivino per ottenere definitivamente l’intera città liberata dall’amianto e capace di produrre più energia pulita, anche in linea col previsto Piano Energetico Comunale, che ora andrebbe aggiornato”.

Data ultima modifica: 2 luglio 2020
  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022