Servizi > Ambiente > Animali > " >Gli animali "indesiderati": zanzare e afidi

Coccinelle al lavoro

Le coccinelle fanno ritorno a Cinisello Balsamo per combattere i fastidiosi e voraci afidi, gli insetti verdi e piccolissimi che in primavera aggrediscono diverse specie di alberi. Per il secondo anno consecutivo, il Settore Ecologia ha dato il via alla sperimentazione di lotta biologica distribuendo i piccoli coleotteri rossi a puntini neri, sulle chiome degli alberi, in particolare dei tigli, per fronteggiare in modo naturale i dannosi parassiti.
L’area scelta è la stessa dello scorso anno: il quartiere Campo dei Fiori e in particolare il doppio filare dei tigli di via Marconi, che conta circa 290 esemplari.

afidi

Gli afidi sono parassiti che nella stagione primaverile estiva attaccano diverse specie di piante, fra cui i tigli. Sono insetti verdi piccolissimi che all’apparenza paiono pieni di acqua.
Questi fitofagi dannosi per le piante, si nutrono della linfa delle stesse e come prodotto di scarto, producono una sostanza zuccherina molto appiccicosa, chiamata melata, che viene rilasciata nell’ambiente, rendendo impraticabili interi viali e qualsiasi cosa si trovi sotto le piante.

Negli ecosistemi naturali, esistono però degli insetti definiti UTILI che si cibano naturalmente di insetti definiti invece DANNOSI, fra cui gli afidi, controllando così la proliferazione di questi ultimi.

Di frequente, in ambiente urbano gli ecosistemi sono compromessi per varie ragioni, cementificazione, inquinamento di vario genere e altro.

La lotta biologica ha due fini distinti: uno è di ripristinare equilibri perdutisi nel tempo per le ragioni di cui sopra e l’altro di contenere la proliferazione di insetti DANNOSI con l’ausilio di insetti UTILI evitando il ricorso a sostanze di sintesi.

coccinella

L’insetto utile che si nutre di afidi, in questo caso è Adalia bipunctata, vale a dire la classica e conosciuta COCCINELLA.
La coccinella si nutre di afidi sia allo stato di larva che come adulto che risulta particolarmente più vorace.

Le coccinelle devono essere distribuite sulle chiome degli alberi tra la fine del mese di maggio e l’inizio del mese di giugno, a seconda delle condizioni atmosferiche e dell’infestazione stessa.
L’area campione, oggetto di tale sperimentazione è il doppio filare di Tigli di Via Marconi, che conta circa n. 290 esemplari di tiglio adulti a dimora a ridosso del marciapiede.

I risultati più apprezzabili di tale progetto pilota si potranno riscontrare nel medio e lungo periodo della sperimentazione, prevedibile in 2 - 3 anni.

Data ultima modifica: 18 gennaio 2008
297
298
1126
1127
1128
1129
  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022