Area Stampa > Comunicati Stampa > 2020 > Agosto 2020

Passerella ciclopedonale SP5 e rilancio del Centro Sportivo delle Rose: partono i grandi progetti in Città

La Giunta, con l’approvazione degli atti di indirizzo, martedì 4 agosto ha dato avvio all’iter per la realizzazione di due opere che rilanceranno alcune zone del nostro territorio.
Dopo circa vent’anni dal primo progetto, è stato approvato il quadro economico per la costruzione della Passerella ciclopedonale a scavalco del viale Fulvio Testi.
L’opera prevede la costruzione di un ponte dedicato all’uso esclusivo di pedoni e ciclisti, sarà servito da due passerelle di forma elicoidale che consentiranno una migliore fruizione della struttura. Il posizionamento di due ascensori, uno per lato, permetterà alle persone anziane, o con difficoltà motorie, di accedere direttamente al ponte, che sarà posizionato nella stessa zona oggi servita da un tunnel sotterraneo, ormai obsoleto.
A sostegno della “mobilità dolce” verranno realizzate anche tre piste ciclabili: una collegherà via Friuli con il lato ovest della nuova passerella, la seconda partirà da via Galilei con intersezione in via Biagi, la terza è prevista in via Valtellina.
Il costo dell’opera, pari ad Euro 1.991.000, è cofinanziato da Città Metropolitana per un importo di €1 milione 750mila e dal Comune di Cinisello Balsamo per la restante quota, di €241mila.

Un intervento edilizio fondamentale per il quartiere Crocetta – dichiara il Sindaco Giacomo Ghilardi – che si aggiunge alla copertura antifonica dell’A4 che, per un tratto di 50 metri, ospiterà una piazza con un giardino pubblico, oltre a consentire il collegamento con il Parco Matteotti – Caldara. Un ulteriore passo avanti per migliorare la qualità della vita di questo quartiere, che sarà direttamente collegato al resto della città e ai comuni limitrofi.

Non parliamo solo di grandi opere - prosegue il Sindaco - ma di “Rigenerazione urbana”. Stiamo pianificando Politiche urbane che tengano conto del tessuto sociale attraverso l’ascolto costante dei cittadini che vivono il territorio. Significa costruire con un approccio innovativo ed ecosostenibile, trasformare le problematiche, derivanti dal passaggio di due grandi arterie di grosso calibro viario, in opportunità.

Approvato, anche, il documento di fattibilità per il rilancio del Centro Sportivo delle Rose. All’interno vengono stabilite una serie di condizioni, tecniche ed economiche, atte a garantire una procedura che, alla luce dell’esito negativo del bando pubblicato recentemente, possa costituire una migliore possibilità imprenditoriale. Sarà così più agevole acquisire offerte tecnicamente valide ed economicamente sostenibili da parte di operatori qualificati.

La modalità scelta è quella del Project Financing, ovvero di una partnership tra Pubblico e privato, che avrà come punti fondamentali la riqualificazione degli impianti e il miglioramento dell’offerta dei servizi sportivi. L’obbiettivo è selezionare un operatore economico in grado di valorizzare la struttura attraverso l’adeguamento e la riqualificazione degli spazi – sotto diversi profili: manutentivo, energetico, estetico, di confort - e, nel contempo, offrire la possibilità di introdurre nuove pratiche sportive. Gli investimenti e le spese di gestione saranno completamente a carico dell’operatore privato, pertanto, non sono previsti oneri economici a carico dell’Amministrazione.

Dietro i grandi progetti c’è sempre un’intensa attività di programmazione, nulla può essere lasciato al caso – spiega il sindaco Giacomo Ghilardi. Il Project Financing è un’occasione per gli imprenditori ed un vantaggio per la nostra città che sarà arricchita da un centro sportivo moderno e polifunzionale. Spero che molti investitori colgano le enormi potenzialità dell’opera.

Data ultima modifica: 7 agosto 2020
  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it
    .

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022