Servizi > Ambiente > Energia > Comunicazioni

Accensione degli impianti termici

La normativa nazionale DPR 74/2013 agli artt. 3 e 4 disciplina tempi e modi per l’esercizio degli impianti termici di riscaldamento/raffrescamento degli ambienti chiusi.

In particolare:

Art. 3

1. Durante il funzionamento dell’impianto di climatizzazione invernale, la media ponderata delle temperature dell’aria, misurate nei singoli ambienti riscaldati di ciascuna unità immobiliare, non deve superare:
- 18°C + 2°C di tolleranza per gli edifici adibiti ad attività
industriali, artigianali e assimilabili;
- 20°C + 2°C di tolleranza per tutti gli altri edifici.

2. Durante il funzionamento dell’impianto di climatizzazione
estiva, la media ponderata delle temperature dell’aria, misurate nei
singoli ambienti raffrescati di ciascuna unità immobiliare, non deve
essere minore di 26°C - 2°C di tolleranza per tutti gli edifici.

3. Il mantenimento della temperatura dell’aria negli ambienti entro
i limiti fissati ai commi 1 e 2 e’ ottenuto con accorgimenti che non
comportino spreco di energia.

4. Gli edifici adibiti a ospedali, cliniche o case di cura e
assimilabili, ivi compresi quelli adibiti a ricovero o cura di minori
o anziani, nonchè le strutture protette per l’assistenza e il
recupero dei tossico-dipendenti e di altri soggetti affidati a
servizi sociali pubblici, sono esclusi dal rispetto dei commi 1 e 2,
limitatamente alle zone riservate alla permanenza e al trattamento
medico dei degenti o degli ospiti. Per gli edifici adibiti a piscine,
saune e assimilabili, per le sedi delle rappresentanze diplomatiche e
di organizzazioni internazionali non ubicate in stabili condominiali,
le autorità comunali possono concedere deroghe motivate ai limiti di
temperatura dell’aria negli ambienti di cui ai commi 1 e 2, qualora
elementi oggettivi o esigenze legati alla specifica destinazione
d’uso giustifichino temperature diverse di detti valori.

Art. 4

1. Gli impianti termici destinati alla climatizzazione degli ambienti invernali sono condotti in modo che, durante il loro funzionamento, non siano superati i valori massimi di temperatura indicati all’articolo 3 del decreto.

2. L’esercizio degli impianti termici per la climatizzazione
invernale è consentito con i seguenti limiti relativi al periodo
annuale e alla durata giornaliera di attivazione, articolata anche in
due o più sezioni:
a) Zona A: ore 6 giornaliere dal 1° dicembre al 15 marzo;
b) Zona B: ore 8 giornaliere dal 1° dicembre al 31 marzo;
c) Zona C: ore 10 giornaliere dal 15 novembre al 31 marzo;
d) Zona D: ore 12 giornaliere dal 1° novembre al 15 aprile;
e) Zona E: ore 14 giornaliere dal 15 ottobre al 15 aprile;
f) Zona F: nessuna limitazione.

3. Al di fuori di tali periodi, gli impianti termici possono essere
attivati solo in presenza di situazioni climatiche che ne
giustifichino l’esercizio e, comunque, con una durata giornaliera non
superiore alla metà di quella consentita in via ordinaria.

La zona climatica di riferimento per il Comune di Cinisello Balsamo è la Zona E (come indicato nell’allegato A al DPR 412/93) e consente pertanto un tempo di accensione dell’impianto termico per un massimo di 7 ore giornaliere al di fuori del periodo 15 ottobre - 15 aprile.

Normativa di riferimento:
Decreto del Presidente della Repubblica n.74/2013, Artt. 3 e 4
Allegato A, DPR 412/93

Data ultima modifica: 24 aprile 2019
  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it
    .

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022