Servizi > Centro Documentazione Storica > Anniversari e Ricorrenze > dicembre 2021

Santa Lucia 13 Dicembre 2021

Lucia nasce a Siracusa fra il 280 e il 290 dopo Cristo.

Il suo nome vuol dire luce, dal latino Lux: all’epoca questo era il nome destinato ai bambini nati alle prime luci dell’alba
Secondo il racconto popolare Lucia era una nobile fanciulla siracusana, promessa sposa fin da piccolissima ad un giovane concittadino patrizio
Da giovanissima, in seguito della morte del padre, rimase sola con la madre Eutichia, donna questa molto credente, buona ed altruista, che educò Lucia all’amore verso i più poveri e bisognosi .
La donna, portando con sé Lucia, si prodigava ad aiutare le famiglie più bisognose, compresi i Cristiani che, perseguitati, si nascondevano nelle catacombe di Siracusa.
Quando Lucia aveva 19 anni, dopo aver ascoltato a Catania il racconto del brano del Vangelo nel quale si descrive la guarigione, grazie al tocco del manto di Gesù, di una donna che da anni soffriva di emorragie, proprio come sua madre si volle recare insieme a lei in pellegrinaggio al sepolcro di Sant’Agata.R
La ragazza era convinta che dopo aver toccato la tomba della Santa e martire siciliana, la madre sarebbe guarita proprio come la donna del vangelo!
Giunte al luogo Sacro, Lucia e la madre riuscirono a toccare il sepolcro ma la ragazza fu subito colta da un’insolita stanchezza e si assopì.
Nel sonno ebbe la visione di Sant’Agata che le predisse il suo martirio, la sua futura Santità e la guarigione della mamma.
Lucia si risveglio serena e, costatando che la madre era realmente guarita, fece in quel momento promessa di consacrare la propria esistenza a Cristo.
Sulla via del ritorno a Siracusa, la giovane convinse la madre a desistere dai progetti matrimoniali e a distribuire ai poveri la parte del patrimonio della famiglia a lei destinato per la sua dote.
La scelta fatta da Lucia si scontrava con le tradizioni del tempo: lei era la promessa sposa di una persona importante e non erano sicuramente le donne che potevano annullare i contratti di matrimonio.
Quando il promesso sposo venne a conoscenza della scelta di Lucia si sentì
offeso da tale gesto e indispettito, la denunziò al Prefetto accusandola di cristianesimo.
Lucia venne subito arrestata e condotta dinanzi alla massima autorità.
Durante il processo, il Prefetto le ordinò di dimostrare di non essere cristiana facendo sacrificio agli idoli, ma la giovane non si fece spaventare
A quel punto il prefetto Pascasio la condannò alla prostituzione e ordinò che fosse trascinata in un postribolo, dove avrebbe subito umiliazioni e violenza continua. Il corpo della ragazza divenne immobile e pesante come una roccia che, per quanto i soldati si adoperassero per trascinarla via, i loro sforzi furono inutili anche quando la legarono con delle funi alle mani e ai piedi e tutti insieme presero a tirare. Provarono allora a trascinarla con un paio di buoi ma nessuna forza la riuscì a smuovere.
Dopo tanti altri supplizi, compreso il rogo, venne infine condannata alla morte per decapitazione, morte che a quei tempi veniva riservata solo ai nobili.
Il 13 dicembre 304 la spada di un soldato pose fine alla vita di Lucia
Una tradizione popolare identificava questa giornata ancora come “il giorno più corto che ci sia”.
Ciò perché, prima della riforma del calendario gregoriano del 1582 che ha spostato il solstizio al 21 dicembre per il calendario Giuliano i giorni più corti erano effettivamente tra il 12 e il 15 Dicembre. In quel periodo dell’anno c’erano anticamente delle feste pagane legate alla luce e, come spesso accade, la festa cristiana ha preso il posto di quei culti pagani.
Il martirio, avvenuto durante le persecuzioni di Diocleziano risulta nell’ "Acta marthirum", dove sono raccolti i verbali dei processi dei primi martiri cristiani che si conclusero con la condanna a morte.
Il 13 Dicembre è diventato il giorno a lei dedicato poiché questo sembra essere il giorno del suo martirio e rinascita spirituale.
Una tradizione popolare identificava questa giornata ancora come “il giorno più corto che ci sia”. Prima della riforma del calendario gregoriano del 1582 , che ha spostato il solstizio al 21 dicembre i giorni più corti erano effettivamente tra il 12 e il 15 Dicembre. In quel periodo dell’anno c’erano anticamente delle feste pagane legate alla luce e, come spesso accade, la festa cristiana ha preso il posto di quei culti pagani.

Data ultima modifica: 13 dicembre 2021
59686
  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022