Servizi > Lavoro > Lavorare per il Comune > Bandi di gara e contratti > Avvisi di pubblico interesse

Contributi per la riapertura di negozi sfitti

AVVISO PUBBLICO PER L’EROGAZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALL’ AVVIO DI ATTIVITÀ COMMERCIALI DI VICINATO/ARTIGIANALI IN NEGOZI SFITTI O INUTILIZZATI DA ALMENO DUE MESI, NELL’AREA DEL DISTRETTO URBANO DEL COMMERCIO (DUC) DI CINISELLO BALSAMO – SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE 31/05/2018 – IMPORTO COMPLESSIVO CONTRIBUTO € 144.000,00

L’Amministrazione comunale intende stimolare l’avvio di nuove attività commerciali di vicinato o artigianali, da insediarsi nell’area del DUC di Cinisello Balsamo e che abbiano le seguenti caratteristiche:

  • in locali "fronte strada", sfitti o inutilizzati da almeno due mesi dalla data di pubblicazione del presente avviso;
  • che l’attività sia stata avviata con SCIA successivamente al 1 aprile 2017 in locali “fronte strada” sfitti o inutilizzati da almeno due mesi antecedenti l’avvio dell’attività medesima.

Per l’erogazione di contributi a fondo perduto è stanziato un fondo complessivo di €.144.000,00 a copertura di specifiche spese di investimento dettagliate all’art. 4.
Per ogni attività avente diritto l’importo massimo erogabile è fissato in €.10.000,00 a condizione che la quota di copertura delle spese sostenute non superi comunque il 75% del totale della spesa.

Nel caso in cui si dovessero verificare degli esuberi di contributo, l’importo massimo potrà essere elevato sino a .€15.000,00 per ogni attività avente diritto, fermo restando che l’innalzamento della quota di copertura delle spese sostenute non superi comunque il 75% del totale. La somma potrà essere ridistribuita secondo la graduatoria formatasi a seguito dell’ammissione delle domande fino a esaurimento della stessa.

SOGGETTI DESTINATARI E REQUISITI
I soggetti destinatari del contributo sono Micro e Piccole Medie Imprese del commercio, dell’artigianato e dei servizi.
In particolare, potranno rientrare come beneficiari del contributo le seguenti attività:

  • Esercizi commerciali di vicinato;
  • Artigianato di servizio;
  • Pubblici esercizi con attività di somministrazione alimentare e/o bevande appartenenti alle seguenti tipologie:
    • a) ristorante, trattoria, osteria con cucina e simili;
    • b) bar pasticceria, bar gelateria, cremeria, creperia e simili: bar-caffè caratterizzati dalla somministrazione di una vasta varietà di prodotti di pasticceria, gelateria e dolciari e altre specialità
    • c) wine bar, birrerie, pub, enoteche, caffetterie, sala da the.

Ciascun richiedente (persona fisica o giuridica) potrà presentare una sola istanza di contributo. Tale limite si applica anche alle società costituite o controllate, in maniera diretta o indiretta, secondo quanto stabilito dalla vigente legislazione societaria.

I soggetti devono essere in possesso, all’atto della presentazione della domanda:

  • dei requisiti morali previsti per l’esercizio della specifica attività;

Non possono essere ammesse ai contributi di cui al presente bando le imprese:

  • 1. che si trovino in stato di fallimento, di liquidazione o altra procedura concorsuale, o nei cui riguardi sia in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni: i cui titolari, soci o amministratori abbiano in corso procedimenti ovvero siano destinatari di provvedimenti per l’applicazione di misure di prevenzione o antimafia di cui alla normativa vigente;
  • 2. nei cui confronti è stata pronunciata sentenza di condanna passata in giudicato, o emesso decreto penale di condanna divenuto irrevocabile, oppure sentenza di applicazione della pena su richiesta, ai sensi dell’articolo 444 del codice di procedura penale, per reati gravi in danno dello Stato o della Comunità che incidono sulla moralità professionale; è comunque causa di esclusione la condanna, con sentenza passata in giudicato, per uno o più reati di partecipazione a un’organizzazione criminale, corruzione, frode, riciclaggio, quali definiti dagli atti comunitari citati all’articolo 45, paragrafo 1, direttiva Ce 2004/18;
  • 3. hanno commesso violazioni, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse, secondo la legislazione italiana o quella dello Stato in cui sono stabiliti;
  • 4. hanno commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, alle norme in materia di contributi previdenziali e assistenziali, secondo la legislazione italiana o dello Stato in cui sono stabiliti;
  • 5. nei cui confronti è stata applicata la sanzione interdittiva di cui all’articolo 9, comma 2, lettera c), del Decreto Legislativo del 8 giugno 2001 n. 231 o altra sanzione che comporta il divieto di contrarre con la pubblica amministrazione.

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE

  1. La richiesta di contributo dovrà essere redatta sull’apposito modello allegato (istanza di partecipazione al contributo), compilata in ogni parte e sottoscritta dal richiedente, unitamente alla documentazione prevista al successivo art.10.
  2. La richiesta di contributo dovrà inoltrata esclusivamente tramite Posta elettronica certificata (PEC) entro e non oltre il giorno 31 maggio 2018 al seguente indirizzo: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it
    La presentazione dell’istanza comporta l’automatica accettazione di tutte le condizioni e obblighi previsti dall’Avviso Pubblico.

Tutte le specifiche sono indicate nell’avviso pubblico allegato.

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Dott. Moreno Veronese

PDF - 56.5 Kb
vademecum contributi negozi sfitti

VADEMECUM CONTRIBUTI PER LA RIAPERTURA DI NEGOZI SFITTI
Il presente documento costituisce una semplice guida che riassume le informazioni dell’Avviso Pubblico. In nessun caso sostituisce i contenuti ufficiali dello stesso. Per i dettagli, si rimanda alla documentazione ufficiale.

Data ultima modifica: 16 aprile 2018

AVVISO PUBBLICO PER L’EROGAZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALL’ AVVIO DI ATTIVITÀ COMMERCIALI DI VICINATO/ARTIGIANALI IN NEGOZI SFITTI O INUTILIZZATI DA ALMENO DUE MESI, NELL’AREA DEL DISTRETTO URBANO DEL COMMERCIO (DUC) DI CINISELLO BALSAMO – SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE 31/05/2018 – IMPORTO COMPLESSIVO CONTRIBUTO € 144.000,00

L’Amministrazione comunale intende stimolare l’avvio di nuove attività commerciali di vicinato o artigianali, da insediarsi nell’area del DUC di Cinisello Balsamo e che abbiano le seguenti caratteristiche:

  • in locali "fronte strada", sfitti o inutilizzati da almeno due mesi dalla data di pubblicazione del presente avviso;
  • che l’attività sia stata avviata con SCIA successivamente al 1 aprile 2017 in locali “fronte strada” sfitti o inutilizzati da almeno due mesi antecedenti l’avvio dell’attività medesima.

Per l’erogazione di contributi a fondo perduto è stanziato un fondo complessivo di €.144.000,00 a copertura di specifiche spese di investimento dettagliate all’art. 4.
Per ogni attività avente diritto l’importo massimo erogabile è fissato in €.10.000,00 a condizione che la quota di copertura delle spese sostenute non superi comunque il 75% del totale della spesa.

Nel caso in cui si dovessero verificare degli esuberi di contributo, l’importo massimo potrà essere elevato sino a .€15.000,00 per ogni attività avente diritto, fermo restando che l’innalzamento della quota di copertura delle spese sostenute non superi comunque il 75% del totale. La somma potrà essere ridistribuita secondo la graduatoria formatasi a seguito dell’ammissione delle domande fino a esaurimento della stessa.

SOGGETTI DESTINATARI E REQUISITI
I soggetti destinatari del contributo sono Micro e Piccole Medie Imprese del commercio, dell’artigianato e dei servizi.
In particolare, potranno rientrare come beneficiari del contributo le seguenti attività:

  • Esercizi commerciali di vicinato;
  • Artigianato di servizio;
  • Pubblici esercizi con attività di somministrazione alimentare e/o bevande appartenenti alle seguenti tipologie:
    • a) ristorante, trattoria, osteria con cucina e simili;
    • b) bar pasticceria, bar gelateria, cremeria, creperia e simili: bar-caffè caratterizzati dalla somministrazione di una vasta varietà di prodotti di pasticceria, gelateria e dolciari e altre specialità
    • c) wine bar, birrerie, pub, enoteche, caffetterie, sala da the.

Ciascun richiedente (persona fisica o giuridica) potrà presentare una sola istanza di contributo. Tale limite si applica anche alle società costituite o controllate, in maniera diretta o indiretta, secondo quanto stabilito dalla vigente legislazione societaria.

I soggetti devono essere in possesso, all’atto della presentazione della domanda:

  • dei requisiti morali previsti per l’esercizio della specifica attività;

Non possono essere ammesse ai contributi di cui al presente bando le imprese:

  • 1. che si trovino in stato di fallimento, di liquidazione o altra procedura concorsuale, o nei cui riguardi sia in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni: i cui titolari, soci o amministratori abbiano in corso procedimenti ovvero siano destinatari di provvedimenti per l’applicazione di misure di prevenzione o antimafia di cui alla normativa vigente;
  • 2. nei cui confronti è stata pronunciata sentenza di condanna passata in giudicato, o emesso decreto penale di condanna divenuto irrevocabile, oppure sentenza di applicazione della pena su richiesta, ai sensi dell’articolo 444 del codice di procedura penale, per reati gravi in danno dello Stato o della Comunità che incidono sulla moralità professionale; è comunque causa di esclusione la condanna, con sentenza passata in giudicato, per uno o più reati di partecipazione a un’organizzazione criminale, corruzione, frode, riciclaggio, quali definiti dagli atti comunitari citati all’articolo 45, paragrafo 1, direttiva Ce 2004/18;
  • 3. hanno commesso violazioni, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse, secondo la legislazione italiana o quella dello Stato in cui sono stabiliti;
  • 4. hanno commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, alle norme in materia di contributi previdenziali e assistenziali, secondo la legislazione italiana o dello Stato in cui sono stabiliti;
  • 5. nei cui confronti è stata applicata la sanzione interdittiva di cui all’articolo 9, comma 2, lettera c), del Decreto Legislativo del 8 giugno 2001 n. 231 o altra sanzione che comporta il divieto di contrarre con la pubblica amministrazione.

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE

  1. La richiesta di contributo dovrà essere redatta sull’apposito modello allegato (istanza di partecipazione al contributo), compilata in ogni parte e sottoscritta dal richiedente, unitamente alla documentazione prevista al successivo art.10.
  2. La richiesta di contributo dovrà inoltrata esclusivamente tramite Posta elettronica certificata (PEC) entro e non oltre il giorno 31 maggio 2018 al seguente indirizzo: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it
    La presentazione dell’istanza comporta l’automatica accettazione di tutte le condizioni e obblighi previsti dall’Avviso Pubblico.

Tutte le specifiche sono indicate nell’avviso pubblico allegato.

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Dott. Moreno Veronese

PDF - 56.5 Kb
vademecum contributi negozi sfitti

VADEMECUM CONTRIBUTI PER LA RIAPERTURA DI NEGOZI SFITTI
Il presente documento costituisce una semplice guida che riassume le informazioni dell’Avviso Pubblico. In nessun caso sostituisce i contenuti ufficiali dello stesso. Per i dettagli, si rimanda alla documentazione ufficiale.

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Per informazioni: info@comune.cinisello-balsamo.mi.it
    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022