Servizi e progetti > Centro Documentazione Storica > Storia del Novecento e storia locale > 2013 - Storia del Novecento e storia locale

E’ scomparsa TERESA MATTEI, Una della 21 donne dell’Assemblea Costituente

Il 12 marzo 2013, pochi giorni dopo la Giornata Internazionale della Donna, si è spenta a 92 anni Teresa Mattei, l’ultima delle 21 donne dell’Assemblea Costituente. Teresa era legata a questa giornata perché fu proprio lei, con la costituente Rita Montagnana, a scegliere la mimosa come simbolo dell’8 marzo.

Fu la più giovane delle deputate, aveva solo 25 anni quando venne eletta. Assunse l’incarico di segretaria dell’Ufficio di Presidenza dell’Assemblea Costituente e fece parte del Comitato dei “18” che il 27 dicembre 1947 consegnò nelle mani del Capo dello Stato - Enrico De Nicola - il testo della Carta Costituzionale.

Di famiglia antifascista, nel 1938 Teresa Mattei venne espulsa da tutte le Scuole del Regno per aver rifiutato di assistere alle lezioni in difesa della razza.

Iscritta già dal 1942 al Partito Comunista con il fratello Gianfranco (arrestato e torturato in via Tasso a Roma, si suicidò per non parlare), discusse la tesi di laurea mentre era inseguita dai tedeschi. Durante un viaggio a Roma per consegnare i cliché de’ L’Unità, fu catturata e torturata dai nazisti.

Rilasciata, entrò nella Resistenza con il nome di battaglia Chicchi e divenne comandante della Brigata Gianfranco Mattei del Fronte della Gioventù.

Fu una delle fondatrici dei Gruppi di Difesa della Donna e tra le prime iscritte all’U.D.I. (Unione Donne Italiane).

Nel 1947 fondò, insieme alla democristiana Maria Federici, l’Ente per la Tutela Morale del Fanciullo.

Nel 1955 rifiutò la candidatura alle elezioni per la Camera dei deputati in dissenso con la linea del Partito Comunista, che la espulse.

Negli anni Sessanta fondò a Milano un Centro Studi per la Progettazione di Nuovi Servizi e Prodotti per l’Infanzia. Sempre negli anni Sessanta iniziò ad occuparsi di ricerca cinematografica. Grazie alla sua passione per il cinema e alla sua lotta per i diritti dell’infanzia, nacque la Cooperativa di Monte Olimpino, di cui divenne presidente. Fu anche fondatrice della Lega di Ponsacco per il Diritto dei Bambini alla Comunicazione.

Teresa Mattei, nonostante l’età, i problemi familiari e di salute, è sempre stata attiva e impegnata ad insegnare, soprattutto ai giovani, i valori della Resistenza e della Carta Costituzionale.

Cinisello Balsamo la ospitò nell’aprile del 2004 per due interventi pubblici, uno rivolto agli studenti e l’altro alla cittadinanza. Commovente fu la consegna di una targa con la quale l’Amministrazione comunale “la ringraziava per il contributo offerto alla nascita della nostra Costituzione Repubblicana”.

Ma già nel 1949 Teresa Mattei era stata ospite della Città insieme ad altri partigiani, costituenti ed esponenti del mondo politico e sindacale nazionale. Di quella sua visita rimane una fotografia scattata nel cortile della Cooperativa La Previdente.

Data ultima modifica: 1 settembre 2017

Il 12 marzo 2013, pochi giorni dopo la Giornata Internazionale della Donna, si è spenta a 92 anni Teresa Mattei, l’ultima delle 21 donne dell’Assemblea Costituente. Teresa era legata a questa giornata perché fu proprio lei, con la costituente Rita Montagnana, a scegliere la mimosa come simbolo dell’8 marzo.

Fu la più giovane delle deputate, aveva solo 25 anni quando venne eletta. Assunse l’incarico di segretaria dell’Ufficio di Presidenza dell’Assemblea Costituente e fece parte del Comitato dei “18” che il 27 dicembre 1947 consegnò nelle mani del Capo dello Stato - Enrico De Nicola - il testo della Carta Costituzionale.

Di famiglia antifascista, nel 1938 Teresa Mattei venne espulsa da tutte le Scuole del Regno per aver rifiutato di assistere alle lezioni in difesa della razza.

Iscritta già dal 1942 al Partito Comunista con il fratello Gianfranco (arrestato e torturato in via Tasso a Roma, si suicidò per non parlare), discusse la tesi di laurea mentre era inseguita dai tedeschi. Durante un viaggio a Roma per consegnare i cliché de’ L’Unità, fu catturata e torturata dai nazisti.

Rilasciata, entrò nella Resistenza con il nome di battaglia Chicchi e divenne comandante della Brigata Gianfranco Mattei del Fronte della Gioventù.

Fu una delle fondatrici dei Gruppi di Difesa della Donna e tra le prime iscritte all’U.D.I. (Unione Donne Italiane).

Nel 1947 fondò, insieme alla democristiana Maria Federici, l’Ente per la Tutela Morale del Fanciullo.

Nel 1955 rifiutò la candidatura alle elezioni per la Camera dei deputati in dissenso con la linea del Partito Comunista, che la espulse.

Negli anni Sessanta fondò a Milano un Centro Studi per la Progettazione di Nuovi Servizi e Prodotti per l’Infanzia. Sempre negli anni Sessanta iniziò ad occuparsi di ricerca cinematografica. Grazie alla sua passione per il cinema e alla sua lotta per i diritti dell’infanzia, nacque la Cooperativa di Monte Olimpino, di cui divenne presidente. Fu anche fondatrice della Lega di Ponsacco per il Diritto dei Bambini alla Comunicazione.

Teresa Mattei, nonostante l’età, i problemi familiari e di salute, è sempre stata attiva e impegnata ad insegnare, soprattutto ai giovani, i valori della Resistenza e della Carta Costituzionale.

Cinisello Balsamo la ospitò nell’aprile del 2004 per due interventi pubblici, uno rivolto agli studenti e l’altro alla cittadinanza. Commovente fu la consegna di una targa con la quale l’Amministrazione comunale “la ringraziava per il contributo offerto alla nascita della nostra Costituzione Repubblicana”.

Ma già nel 1949 Teresa Mattei era stata ospite della Città insieme ad altri partigiani, costituenti ed esponenti del mondo politico e sindacale nazionale. Di quella sua visita rimane una fotografia scattata nel cortile della Cooperativa La Previdente.

20485
20486
20488
20489
20492
20494
20495
20496
20497
20498
20499
20500
20501
Teresa Mattei 1949, Cinisello Balsamo, Teresa Mattei con il marito Bruno Sanguinetti 2004, Cinisello Balsamo, Teresa Mattei con la partigiana Rachele Sala 2004, Cinisello Balsamo, Teresa Mattei durante l’incontro con gli studenti 2004, Cinisello Balsamo, Teresa Mattei durante l’incontro con la cittadinanza Teresa Mattei Le 21 donne elette nell’Assemblea Costituente 1949, Cinisello Balsamo, cortile della Cooperativa La Previdente, Teresa Mattei, 3^ da destra, accanto al marito Bruno Sanguinetti

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Per informazioni: info@comune.cinisello-balsamo.mi.it
    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022