Servizi > Il Pertini > Attività > Gruppi di lettura

Gruppo di lettura del Giovedì

giovedì 20 Gennaio 2022
gruppo di lettura
21:00 incontro online

Ogni cosa è illuminata, pubblicato nel 2002, è il primo libro dello scrittore americano Jonathan Safran Foer e narra di un giovane ebreo proveniente dagli Stati Uniti, collezionista di oggetti legati alla storia della sua famiglia: quando trova una fotografia in cui suo nonno è in compagnia di una sconosciuta, forse la donna che lo ha salvato dai nazisti durante le deportazioni, decide di andare in Ucraina per scoprire la verità. La prima tappa è una città che si rivela fantasma, non presente nemmeno sulla mappa, poiché distrutta dai bombardamenti nazisti: un luogo, denso di storie che l’hanno popolato, che appare sinistro dalle descrizioni, ma anche dove si mescolano vicende attuali. Il racconto di Foer non è semplicemente frutto della fantasia, poiché in parte legata alle sue vicende familiari: si tratta di un’opera fuori dalle righe, lontana dagli schemi classici della letteratura che usa un linguaggio nuovo, denso, giovanile, con salti temporali e flashback. Dietro a ogni storia, così come in fondo a ogni personaggio, si nasconde una realtà ben più grande e intima di quanto si mostri dalle prime battute: ognuno ha un segreto, un dolore che non è riuscito a superare e ad affrontare.

Nel 2005 dal libro è stato poi tratto l’omonimo film, diretto dall’attore Liev Schreiber che ha esordito come regista e con l’attore Elija Wood che interpreta il protagonista con acume tale da non sembrare un personaggio ben definito, non dotato di caratteristiche proprie, ma quasi uno strumento della memoria. Nella prima parte si può notare il contatto tra la sensibilità dei due personaggi principali, Jonathan e Alex, che si addentrano lentamente nel territorio della ricerca storica fino a giungere a una verità tanto terribile quanto incancellabile nella sua necessità di essere raccontata.
Da notare è la dialettica tra luce-oscurità e il contrasto tra vista e cecità che ha a che fare con la facoltà umana di guardare solo esteriormente, perché si tratta, in realtà, della capacità di ricordare: il nonno di Alex, infatti dice di essere cieco, perché nega consapevolmente a se stesso questa possibilità, sperando di mantenere un avvenimento lacerante in una zona della sua mente in cui non sia in grado di nuocergli; allo stesso tempo, la mania di Jonathan di conservare gli indizi della sua esistenza con meticolosità è di per se insufficiente a ricostruire la memoria incompleta, senza una capacità interna di vedere. Pur parlando di temi di grande importanza, il film presenta anche aspetti umoristici.

Blog del gruppo: Gruppo di lettura del giovedì
Pagina dedicata all’incontro: Gruppo di lettura del Giovedì

Per la partecipazione on-line viene utilizzata la piattaforma Meet di Google
Link per partecipare agli incontri on-line: https://meet.google.com/dbb-cfiu-jnx

Per informazioni: 02 66 023 504 - ilpertini@comune.cinisello-balsamo.mi.it

59967
59968
  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022