Servizi e progetti > Il Pertini > Attività > Archivio > Iniziative anno 2014

Gli archivi scolastici in Lombardia: ricercare, censire, fruire

Gli archivi scolastici costituiscono una sfida culturale di prim’ordine per gli istituti di istruzione che hanno la fortuna – spesso ignorata – di ospitarli, in situazioni e locali precari, “la cui distanza dagli uffici della segreteria è inversamente proporzionale alla vitalità amministrativa delle carte depositate” (F. Klein). Le procedure valutano raramente la conservazione, anche solo a campione, di materiali ritenuti di routine, quali i registri dei docenti e le produzioni degli allievi. La soluzione dello scarto “intelligente” o della istituzione di una fondazione – ormai impraticabile, a risorse economiche decrescenti – con patrimoni e personale di più agile gestione, si ripropongono alla luce della valorizzazione della documentazione conservata, che risulta oggi imprescindibile, da una parte, per la caratterizzazione culturale delle singole scuole, rese autonome dall’ordinamento, in stretto collegamento con il territorio in cui sono incardinate; dall’altra, per la trasformazione degli obiettivi di apprendimento e della didattica per competenze, per cui lo studio su documenti immediatamente raggiungibili e di valore identitario può diventare uno strumento strategico.

Nel corso degli ultimi venti anni si sono riproposti convegni di studio e occasioni di rilancio del tema, che ha visto alcuni successi fuori dalla Lombardia, identificati quali modelli di riferimento per lo sviluppo di una rete archivistica scolastica anche nel Milanese, dove alcuni casi emblematici di recupero hanno tuttavia evidenziato la debolezza istituzionale delle strutture di conservazione presso le scuole, affidate solo alla ferrea volontà e alla preparazione di alcuni insegnanti e dirigenti scolastici, durante il loro servizio.

E’ necessario perciò ritrovare una nuova sensibilità, sorretta da ridotte risorse finanziarie, ancorché permanenti, che consenta di avviare un programma di azione, sotto le indicazioni e il controllo delle autorità preposte alla salvaguardia dei patrimoni archivistici scolastici, e di ricreare le condizioni per censire e recuperare in modo idoneo tali complessi documentali e per affidarne l’attiva conservazione, continuamente ravvivata dall’uso didattico interno, a personale docente adeguatamente formato, anche attraverso specifici corsi.

Centro culturale Il Pertini - piazza Confalonieri 3
(al mattino ingresso lato parcheggio via XXV Aprile)

Martedì 4 novembre 2014 - dalle ore 9.30 alle ore 17.30

9.30-10.00 Saluti della sessione mattutina

Silvana Citterio (Commissione MSFS Archivi scolastici)

Andrea Catania (assessore alle Politiche culturali di Cinisello Balsamo)

Nerio Agostini (presidente Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest)

Ufficio scolastico regionale per la Lombardia

Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia F. Parri

I parte - Strumenti teorico-normativi per le ricerche in archivio

10.00-10.20 Il quadro normativo per la salvaguardia e la gestione degli archivi scolastici
Maurizio Savoja (Mibac, Soprintendente archivistico per la Lombardia)

10.20-10.40 Alcuni casi di riordino degli archivi del sistema educativo
Mauro Livraga (Mibac, Soprintendenza archivistica per la Lombardia)

10.40-11.00 Dal documento al racconto, esperienze tra ricerca storica e restituzione narrativa
Roberto Grassi (Regione Lombardia)

II parte - Gli archivi scolastici oltre la Lombardia

11.00-11.15 La rete degli archivi delle scuole in Piemonte
Riccardo Marchis (Istoreto, Torino)

11.15-11.30 La rete degli archivi scolastici a Venezia
Maria Teresa Sega (Iveser, Venezia)

Pausa caffè
gentilmente offerta da Chico Mendes - Altromercato di Cinisello Balsamo

III parte - Gli archivi scolastici milanesi

11.40-12.00 Il salvataggio e la valorizzazione del patrimonio storico-documentale della Scuola elementare di Parabiago
Alida Gottardi (IC Manzoni, Parabiago)

12.00-12.20 L’archivio scolastico del Liceo Carducci
Vincenzo Viola (ex insegnante Liceo Carducci)

12.20-12.40 Dall’archivio dell’Istituto magistrale Agnesi: storia di un’espulsione nel 1938
Guglielmo Buda (Facciamo Rete)

12.40-13.30 Discussione e domande dal pubblico

Pausa pranzo

14.30-14.40 Saluti della sessione pomeridiana

Letizia Villa (assessore alle Politiche educative di Cinisello Balsamo)

IV parte - Gli archivi scolastici lombardi

14.40-15.00 Dalla Scuola Elementare Cadorna al Pertini. Un secolo di storia fra carte d’archivio e memoria collettiva
Patrizia Rulli, Gabriella Milanese (Centro Documentazione Storica di Cinisello Balsamo)

15.00-15.20 La didattica della storia in archivi scolastici milanesi: dalla scoperta alla valorizzazione
Isabella D’Isola (Liceo Volta, Milano)

15.20-15.40 La documentazione degli archivi storici comunali della Lomellina e la scuola
Emilia Mangiarotti (archivista libera professionista)

15.40-16.00 Fare storia con gli archivi scolastici. Alle radici dell’albero scuola, un progetto pavese
Adriana Sartori (Laboratorio di Didattica della Storia – Università di Pavia)

16.00-17.30 Discussione e conclusioni

A cura di:
- Comune Cinisello Balsamo - C.D.S. (Centro Documentazione Storica),
- C.S.B.N.O. (Consorzio Sistema Bibliotecario Nord - Ovest),
- I.N.S.M.L.I. (Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia),
- I.R.I.S. (Insegnamento e Ricerca Interdisciplinare di Storia),
- Zapruder - Storie in Movimento.

Il seminario è gratuito. Al termine dell’incontro verrà rilasciato un certificato di partecipazione ai presenti che si siano registrati in apertura dei lavori e che ne facciano richiesta.
In quanto seminario di formazione e aggiornamento, per gli insegnanti è prevista l’autorizzazione alla partecipazione in orario di servizio in quanto l’Insmli è riconosciuto quale agenzia formativa con DM 25.05.2001 (prot. 802/19.06.2001), rinnovato con DM prot. 10962/08.06.2005, ed è inserito nell’elenco degli Enti accreditati.
Per informazioni contattare Andrea F. Saba, Insmli-Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia, viale Sarca 336, 20126 Milano, tel. 02641106.1, andrea.saba@insmli.it.

Per maggiori informazioni sui promotori, sui partecipanti e sulle tematiche di ogni iniziativa di Milanosifastoria consultare:
www.facebook.com/milanosifastoria,
www.storieinrete.org.

Il Pertini è stato scelto come sede del seminario per il valore aggiunto rappresentato dal fatto che il moderno centro culturale cittadino sorge sul sito della prima scuola elementare di Cinisello, della quale ha mantenuto la facciata principale.

Il Centro Documentazione Storica del Comune allestirà, in occasione dell’incontro, una parte significativa della mostra La cartella dei ricordi (inaugurata nel 2012), esponendo documenti e fotografie di maestri e alunni e suppellettili originali della scuola.

Nel corso del seminario, tra le varie esperienze di valorizzazione del patrimonio degli archivi scolastici, verrà anche testimoniato il lavoro di ricerca che il Centro Documentazione Storica condusse per realizzare una mostra, una pubblicazione e un filmato. In tale occasione furono consultati gli archivi comunali e quelli scolastici della Scuola Primaria Costa. Soprattutto i registri dei maestri fornirono una vasta gamma di informazioni, non solo sul programma didattico e sulle attività svolte nelle classi, ma anche sul numero, la provenienza e la condizione sociale degli alunni. Furono infine raccolte testimonianze, immagini e materiale scolastico che i cittadini misero a disposizione, riguardanti le prime due scuole elementari del Comune: Luigi Cadorna di Cinisello e Filippo Corridoni di Balsamo.

Comunicato Stampa

PDF - 2 Mb
Manifesto dell’iniziativa del 4 novembre 2014 a Cinisello Balsamo
PDF - 3.6 Mb
Programma completo di tutte le iniziative del Progetto Milanosifastoria - dal 3 al 9 novembre 2014
PDF - 1.4 Mb
Dalla Scuola Elementare "Cadorna" al "Pertini". Un secolo di storia tra carte d’archivio e memoria collettiva. Intervento del CDS

Gli archivi scolastici costituiscono una sfida culturale di prim’ordine per gli istituti di istruzione che hanno la fortuna – spesso ignorata – di ospitarli, in situazioni e locali precari, “la cui distanza dagli uffici della segreteria è inversamente proporzionale alla vitalità amministrativa delle carte depositate” (F. Klein). Le procedure valutano raramente la conservazione, anche solo a campione, di materiali ritenuti di routine, quali i registri dei docenti e le produzioni degli allievi. La soluzione dello scarto “intelligente” o della istituzione di una fondazione – ormai impraticabile, a risorse economiche decrescenti – con patrimoni e personale di più agile gestione, si ripropongono alla luce della valorizzazione della documentazione conservata, che risulta oggi imprescindibile, da una parte, per la caratterizzazione culturale delle singole scuole, rese autonome dall’ordinamento, in stretto collegamento con il territorio in cui sono incardinate; dall’altra, per la trasformazione degli obiettivi di apprendimento e della didattica per competenze, per cui lo studio su documenti immediatamente raggiungibili e di valore identitario può diventare uno strumento strategico.

Nel corso degli ultimi venti anni si sono riproposti convegni di studio e occasioni di rilancio del tema, che ha visto alcuni successi fuori dalla Lombardia, identificati quali modelli di riferimento per lo sviluppo di una rete archivistica scolastica anche nel Milanese, dove alcuni casi emblematici di recupero hanno tuttavia evidenziato la debolezza istituzionale delle strutture di conservazione presso le scuole, affidate solo alla ferrea volontà e alla preparazione di alcuni insegnanti e dirigenti scolastici, durante il loro servizio.

E’ necessario perciò ritrovare una nuova sensibilità, sorretta da ridotte risorse finanziarie, ancorché permanenti, che consenta di avviare un programma di azione, sotto le indicazioni e il controllo delle autorità preposte alla salvaguardia dei patrimoni archivistici scolastici, e di ricreare le condizioni per censire e recuperare in modo idoneo tali complessi documentali e per affidarne l’attiva conservazione, continuamente ravvivata dall’uso didattico interno, a personale docente adeguatamente formato, anche attraverso specifici corsi.

Centro culturale Il Pertini - piazza Confalonieri 3
(al mattino ingresso lato parcheggio via XXV Aprile)

Martedì 4 novembre 2014 - dalle ore 9.30 alle ore 17.30

9.30-10.00 Saluti della sessione mattutina

Silvana Citterio (Commissione MSFS Archivi scolastici)

Andrea Catania (assessore alle Politiche culturali di Cinisello Balsamo)

Nerio Agostini (presidente Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest)

Ufficio scolastico regionale per la Lombardia

Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia F. Parri

I parte - Strumenti teorico-normativi per le ricerche in archivio

10.00-10.20 Il quadro normativo per la salvaguardia e la gestione degli archivi scolastici
Maurizio Savoja (Mibac, Soprintendente archivistico per la Lombardia)

10.20-10.40 Alcuni casi di riordino degli archivi del sistema educativo
Mauro Livraga (Mibac, Soprintendenza archivistica per la Lombardia)

10.40-11.00 Dal documento al racconto, esperienze tra ricerca storica e restituzione narrativa
Roberto Grassi (Regione Lombardia)

II parte - Gli archivi scolastici oltre la Lombardia

11.00-11.15 La rete degli archivi delle scuole in Piemonte
Riccardo Marchis (Istoreto, Torino)

11.15-11.30 La rete degli archivi scolastici a Venezia
Maria Teresa Sega (Iveser, Venezia)

Pausa caffè
gentilmente offerta da Chico Mendes - Altromercato di Cinisello Balsamo

III parte - Gli archivi scolastici milanesi

11.40-12.00 Il salvataggio e la valorizzazione del patrimonio storico-documentale della Scuola elementare di Parabiago
Alida Gottardi (IC Manzoni, Parabiago)

12.00-12.20 L’archivio scolastico del Liceo Carducci
Vincenzo Viola (ex insegnante Liceo Carducci)

12.20-12.40 Dall’archivio dell’Istituto magistrale Agnesi: storia di un’espulsione nel 1938
Guglielmo Buda (Facciamo Rete)

12.40-13.30 Discussione e domande dal pubblico

Pausa pranzo

14.30-14.40 Saluti della sessione pomeridiana

Letizia Villa (assessore alle Politiche educative di Cinisello Balsamo)

IV parte - Gli archivi scolastici lombardi

14.40-15.00 Dalla Scuola Elementare Cadorna al Pertini. Un secolo di storia fra carte d’archivio e memoria collettiva
Patrizia Rulli, Gabriella Milanese (Centro Documentazione Storica di Cinisello Balsamo)

15.00-15.20 La didattica della storia in archivi scolastici milanesi: dalla scoperta alla valorizzazione
Isabella D’Isola (Liceo Volta, Milano)

15.20-15.40 La documentazione degli archivi storici comunali della Lomellina e la scuola
Emilia Mangiarotti (archivista libera professionista)

15.40-16.00 Fare storia con gli archivi scolastici. Alle radici dell’albero scuola, un progetto pavese
Adriana Sartori (Laboratorio di Didattica della Storia – Università di Pavia)

16.00-17.30 Discussione e conclusioni

A cura di:
- Comune Cinisello Balsamo - C.D.S. (Centro Documentazione Storica),
- C.S.B.N.O. (Consorzio Sistema Bibliotecario Nord - Ovest),
- I.N.S.M.L.I. (Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia),
- I.R.I.S. (Insegnamento e Ricerca Interdisciplinare di Storia),
- Zapruder - Storie in Movimento.

Il seminario è gratuito. Al termine dell’incontro verrà rilasciato un certificato di partecipazione ai presenti che si siano registrati in apertura dei lavori e che ne facciano richiesta.
In quanto seminario di formazione e aggiornamento, per gli insegnanti è prevista l’autorizzazione alla partecipazione in orario di servizio in quanto l’Insmli è riconosciuto quale agenzia formativa con DM 25.05.2001 (prot. 802/19.06.2001), rinnovato con DM prot. 10962/08.06.2005, ed è inserito nell’elenco degli Enti accreditati.
Per informazioni contattare Andrea F. Saba, Insmli-Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia, viale Sarca 336, 20126 Milano, tel. 02641106.1, andrea.saba@insmli.it.

Per maggiori informazioni sui promotori, sui partecipanti e sulle tematiche di ogni iniziativa di Milanosifastoria consultare:
www.facebook.com/milanosifastoria,
www.storieinrete.org.

Il Pertini è stato scelto come sede del seminario per il valore aggiunto rappresentato dal fatto che il moderno centro culturale cittadino sorge sul sito della prima scuola elementare di Cinisello, della quale ha mantenuto la facciata principale.

Il Centro Documentazione Storica del Comune allestirà, in occasione dell’incontro, una parte significativa della mostra La cartella dei ricordi (inaugurata nel 2012), esponendo documenti e fotografie di maestri e alunni e suppellettili originali della scuola.

Nel corso del seminario, tra le varie esperienze di valorizzazione del patrimonio degli archivi scolastici, verrà anche testimoniato il lavoro di ricerca che il Centro Documentazione Storica condusse per realizzare una mostra, una pubblicazione e un filmato. In tale occasione furono consultati gli archivi comunali e quelli scolastici della Scuola Primaria Costa. Soprattutto i registri dei maestri fornirono una vasta gamma di informazioni, non solo sul programma didattico e sulle attività svolte nelle classi, ma anche sul numero, la provenienza e la condizione sociale degli alunni. Furono infine raccolte testimonianze, immagini e materiale scolastico che i cittadini misero a disposizione, riguardanti le prime due scuole elementari del Comune: Luigi Cadorna di Cinisello e Filippo Corridoni di Balsamo.

Comunicato Stampa

PDF - 2 Mb
Manifesto dell’iniziativa del 4 novembre 2014 a Cinisello Balsamo
PDF - 3.6 Mb
Programma completo di tutte le iniziative del Progetto Milanosifastoria - dal 3 al 9 novembre 2014
PDF - 1.4 Mb
Dalla Scuola Elementare "Cadorna" al "Pertini". Un secolo di storia tra carte d’archivio e memoria collettiva. Intervento del CDS
26501
26980
Seminario sugli Archivi Scolastici in Lombardia. Intervento dell’assessore Andrea Catania. Al tavolo della presidenza: Nerio Agostini, Silvana Citterio, Patrizia Angelone

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    info@comune.cinisello-balsamo.mi.it
    comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022