Servizi e progetti > Il Pertini > Attività > Archivio > Iniziative anno 2016

Sguardo senza tempo

Fino al 30 ottobre 2016

Inaugurazione della mostra delle opere di Giovanni Cerri

Sabato 8 ottobre 2016 ore 18.00
Villa Ghirlanda Silva - via Frova n. 10 - Cinisello Balsamo - MI -
Introduce Andrea Catania Assessore alle Politiche Culturali
Interviene il curatore Antonio Lombardo, architetto

Orari di apertura mostra
dal 09 al 30 ottobre 2016
Villa Ghirlanda Silva - Sale delle quadrerie
tutti i giorni escluso il lunedì dalle 15.00 alle 20.00

La mostra antologica (1985-2015) ospita una selezione di trenta opere, molte delle quali mai esposte: dalle periferie milanesi degli anni giovanili agli studi e ai disegni dedicati a interpretazioni di Michelangelo, Leonardo, Piero della Francesca e Goya.
Una “sezione” riservata al ciclo Milano ieri e oggi, i dipinti incentrati sulla rivisitazione dei luoghi del capoluogo lombardo (realizzati tra il 2014 e il 2015, in occasione di EXPO Milano) per continuare poi ai più recenti quadri sui temi dell’archeologia dimenticata e dei luoghi di confine, dove – attraverso le scritte sui muri e sui volti statuari di una classicità sfregiata da scritte e slogan, come simbolo di una perdita d’identità culturale - si allude agli avvenimenti più attuali e urgenti della nostra epoca contemporanea.
Lo sguardo senza tempo sottolinea appunto l’aspetto della ricerca di Cerri verso temi e immagini che attraversano i periodi della Storia: il silenzio e la solitudine nei luoghi marginali e periferici (intesi come periferie del mondo), la ricerca della bellezza nella classicità, seppur vista e percepita in una eroica sopravvivenza nello sfregio e nel degrado, la tensione verso una dimensione spirituale e laica al contempo, l’indagine critica sui temi contemporanei.

Giovanni Cerri nasce nel 1969 a Milano, dove vive e lavora. Ha iniziato a esporre nel 1987 e da allora ha tenuto mostre in Italia e all’estero. Da sempre attratto dal territorio urbano di periferia, la sua ricerca si è sviluppata nell’indagine tematica dell’archeologia industriale, con raffigurazioni di fabbriche dismesse, aree abbandonate e relitti di edifici al confine tra città e hinterland.
Dal 2001 al 2009, con il ciclo delle «città fantasma», ha lavorato dipingendo sulla carta di quotidiano. Un supporto che attraverso alcuni frammenti di scritte, racconta la nostra contemporaneità, come una sorta di cronaca affiorante dalla
materia pittorica. Nel 2006, con questa tecnica, ha rivisitato in sedici quadri alcuni celebri volti della Cappella Sistina e del Giudizio Universale di Michelangelo e successivamente è stato invitato dal curatore Philippe Daverio al Premio Michetti a Francavilla al Mare.
Nel 2008 espone con il padre Giancarlo al Museo della Permanente a Milano nella mostra «I Cerri, Giancarlo e Giovanni. La pittura di generazione in generazione».
Nel 2009 realizza il grande trittico dal titolo «Gomorra, l’altro Eden», ispirato al best- seller di Roberto Saviano.
In questi anni, diversi suoi cataloghi sono stati accompagnati dai testi dell’amico scrittore Raul Montanari.
Nel 2010 è tornato alla pittura su tela presentando, nell’ambito del Premio «Riprogettare l’archeologia», un altro grande trittico dal titolo Habitat alla Triennale Design Museum di Milano.
Nel 2011, invitato dal curatore Vittorio Sgarbi, espone al Padiglione Italia
Regione Lombardia alla 54° Biennale di Venezia, e successivamente alla mostra «Artisti per Noto. L’ombra del divino nell’arte contemporanea» a Palazzo Grimani a Venezia.
Nel 2015 è pubblicato il catalogo Milano ieri e oggi (Galleria Palmieri, Cortina Arte Edizioni), che illustra il ciclo di opere dedicato alla sua città in occasione di Expo-Milano. Una sua opera è presente nella collezione del Museo della Permanente a Milano.

PDF - 835.6 Kb
Invito Mostra Cerri

Mostra

Inaugurazione della mostra delle opere di Giovanni Cerri

Sabato 8 ottobre 2016 ore 18.00
Villa Ghirlanda Silva - via Frova n. 10 - Cinisello Balsamo - MI -
Introduce Andrea Catania Assessore alle Politiche Culturali
Interviene il curatore Antonio Lombardo, architetto

Orari di apertura mostra
dal 09 al 30 ottobre 2016
Villa Ghirlanda Silva - Sale delle quadrerie
tutti i giorni escluso il lunedì dalle 15.00 alle 20.00

La mostra antologica (1985-2015) ospita una selezione di trenta opere, molte delle quali mai esposte: dalle periferie milanesi degli anni giovanili agli studi e ai disegni dedicati a interpretazioni di Michelangelo, Leonardo, Piero della Francesca e Goya.
Una “sezione” riservata al ciclo Milano ieri e oggi, i dipinti incentrati sulla rivisitazione dei luoghi del capoluogo lombardo (realizzati tra il 2014 e il 2015, in occasione di EXPO Milano) per continuare poi ai più recenti quadri sui temi dell’archeologia dimenticata e dei luoghi di confine, dove – attraverso le scritte sui muri e sui volti statuari di una classicità sfregiata da scritte e slogan, come simbolo di una perdita d’identità culturale - si allude agli avvenimenti più attuali e urgenti della nostra epoca contemporanea.
Lo sguardo senza tempo sottolinea appunto l’aspetto della ricerca di Cerri verso temi e immagini che attraversano i periodi della Storia: il silenzio e la solitudine nei luoghi marginali e periferici (intesi come periferie del mondo), la ricerca della bellezza nella classicità, seppur vista e percepita in una eroica sopravvivenza nello sfregio e nel degrado, la tensione verso una dimensione spirituale e laica al contempo, l’indagine critica sui temi contemporanei.

Giovanni Cerri nasce nel 1969 a Milano, dove vive e lavora. Ha iniziato a esporre nel 1987 e da allora ha tenuto mostre in Italia e all’estero. Da sempre attratto dal territorio urbano di periferia, la sua ricerca si è sviluppata nell’indagine tematica dell’archeologia industriale, con raffigurazioni di fabbriche dismesse, aree abbandonate e relitti di edifici al confine tra città e hinterland.
Dal 2001 al 2009, con il ciclo delle «città fantasma», ha lavorato dipingendo sulla carta di quotidiano. Un supporto che attraverso alcuni frammenti di scritte, racconta la nostra contemporaneità, come una sorta di cronaca affiorante dalla
materia pittorica. Nel 2006, con questa tecnica, ha rivisitato in sedici quadri alcuni celebri volti della Cappella Sistina e del Giudizio Universale di Michelangelo e successivamente è stato invitato dal curatore Philippe Daverio al Premio Michetti a Francavilla al Mare.
Nel 2008 espone con il padre Giancarlo al Museo della Permanente a Milano nella mostra «I Cerri, Giancarlo e Giovanni. La pittura di generazione in generazione».
Nel 2009 realizza il grande trittico dal titolo «Gomorra, l’altro Eden», ispirato al best- seller di Roberto Saviano.
In questi anni, diversi suoi cataloghi sono stati accompagnati dai testi dell’amico scrittore Raul Montanari.
Nel 2010 è tornato alla pittura su tela presentando, nell’ambito del Premio «Riprogettare l’archeologia», un altro grande trittico dal titolo Habitat alla Triennale Design Museum di Milano.
Nel 2011, invitato dal curatore Vittorio Sgarbi, espone al Padiglione Italia
Regione Lombardia alla 54° Biennale di Venezia, e successivamente alla mostra «Artisti per Noto. L’ombra del divino nell’arte contemporanea» a Palazzo Grimani a Venezia.
Nel 2015 è pubblicato il catalogo Milano ieri e oggi (Galleria Palmieri, Cortina Arte Edizioni), che illustra il ciclo di opere dedicato alla sua città in occasione di Expo-Milano. Una sua opera è presente nella collezione del Museo della Permanente a Milano.

PDF - 835.6 Kb
Invito Mostra Cerri
33949

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Per informazioni: info@comune.cinisello-balsamo.mi.it
    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022