Servizi > Il Pertini > Attività > Gruppi di lettura

La prossima volta il fuoco

giovedì 17 Marzo 2022
gruppo di lettura
21:00 Il Pertini

La prossima volta il fuoco, di James Baldwin (Stati Uniti, 1924 – Francia, 1987), pubblicato per la prima volta nel 1963, ripercorre l’esperienza della popolazione di colore degli Stati Uniti; il libro è considerato una delle più appassionanti e autorevoli indagini sui rapporti interrazziali, in cui le tematiche di amore, fede e famiglia si intrecciano, sferrando un attacco diretto all’ipocrisia americana. L’autore scrive una sorta di lettera al nipote, raccontandogli di essere stato confinato in un ghetto dai bianchi e di essere considerato un essere umano privo di valore, ma esortandolo, nonostante tutto, a perseguire la strada dell’integrazione; si tratta di una violenta denuncia del razzismo, carica di introspezione e ricordi autobiografici. Con una scrittura chiara e lineare James Baldwin ci accompagna con onestà intellettuale attraverso la storia dei grandi movimenti politici e religiosi. A strettissimo contatto con i movimenti di rivendicazione dei neri della sua epoca, l’autore non si lascia dominare dall’odio e dalle passioni, ma propone una profonda analisi della storia spirituale e sociopolitica, sottolineandone le incongruenze e le fragilità dei suoi protagonisti. La soluzione non passa per l’accettazione e per l’integrazione, poiché presuppongono assiomi errati di necessità di assimilazione di una razza in un’altra; la soluzione è l’azione, ma l’azione comporta grandi difficoltà, perché, ci dice Baldwin, “[…] Agire vuol dire impegnarsi, e impegnarsi vuol dire esporsi al pericolo […] Non si può dare nulla senza dare sé stessi: vale a dire, senza rischiare”. Cambiare spetta agli uomini liberi, rimarca lo scrittore, quegli uomini animati dalla potentissima arma dell’amore, un’arma, quest’ultima, allo stesso tempo potente e pericolosa. La prossima volta il fuoco non esalta la lotta dei neri contro i bianchi, non mira alla vittoria di una razza sull’altra. Baldwin punta piuttosto alle coscienze delle donne e degli uomini illuminati, bianchi o neri che siano, affinché guardino in faccia alla storia e alla realtà per superare le barriere che li dividono e conquistino la propria identità e la propria maturità.

James Baldwin, nato a New York il 2 agosto 1924, figlio di un pastore protestante, è stato narratore, saggista e drammaturgo americano; svolse varie attività a New York e a Parigi, dove visse dal 1948 al 1958. Considerato uno dei più notevoli scrittori neri della sua generazione, la critica gli riconosce successi lusinghieri: da Notes on a native son del 1955 (Mio padre doveva essere bellissimo, Milano 1964) a Nobody knows my name, del 1961 (Nessuno sa il mio nome, Milano 1969). I suoi saggi, insieme lucidi e appassionati, hanno esplorato, in un crescendo d’ira e di coinvolgimento, la condizione dei neri americani, anche se in essa è stato riconosciuto un paradigma della condizione umana tout court. L’opera narrativa, iniziata con il testo autobiografico Go tell it on the mountain (Gridalo forte, Milano 1966), è ritenuta il suo testo più intenso.
Il regista Raoul Peck ha acquistato i diritti dal testo di Baldwin nel 2016 e ne ha tratto un film documentario utilizzando immagini di repertorio, soprattutto le interviste televisive di Baldwin.
I Am Not Your Negro che mette in crisi ogni nostro preconcetto, anche il più recondito, invitandoci a ripensare e riosservare la nostra educazione, anche cinematografica, alla luce di una implicita questione razziale. Attraverso un meticoloso lavoro di editing, Peck riassembla le parole di Baldwin, affidandole alla voce di Samuel L. Jackson.

Blog del gruppo: Gruppo di lettura del giovedì
Pagina dedicata all’incontro: Gruppo di lettura del Giovedì

James Baldwin – La prossima volta il fuoco https://www.youtube.com/watch?v=lQojSKkY-Q4

Per partecipare all’incontro in presenza è necessario il green pass rafforzato.
Per la partecipazione on-line viene utilizzata la piattaforma Meet di Google
Link per partecipare agli incontri on-line: https://meet.google.com/dbb-cfiu-jnx

Per informazioni: 02 66 023 504 - ilpertini@comune.cinisello-balsamo.mi.it

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022