Servizi e progetti > Centro Documentazione Storica > Storia del Novecento e storia locale > 2010 - Storia del Novecento e storia locale

LINEA ROSSA. Insieme per un disegno di cambiamento

Linea rossa. Insieme per un disegno di cambiamento

Un documentario in omaggio alla memoria di Albe e Lica Steiner

Nel lavoro di Albe e Lica Steiner si trova l’origine di quella particolare cultura del progetto che è insieme prodotto, design, comunicazione, valore sociale. Il documentario è anche l’ultima pubblica testimonianza di Lica Steiner che ci ha lasciato poco dopo aver visto ed approvato il film, il 23 maggio 2008.
Ma sono anche le voci e i volti delle figlie e di alcuni personaggi del panorama culturale italiano che tracciano il profilo di Albe Steiner. Dell’uomo prima di tutto, antifascista e partigiano, ma soprattutto dell’artista. Un grande intellettuale, un innovatore che ha contribuito a dare modernità al design italiano con uno stile caratterizzato dalla continua ricerca di massima chiarezza e leggibilità del linguaggio visivo. Figura di riferimento per la grafica italiana degli anni cinquanta e sessanta, Steiner è un convinto sostenitore della necessità di una relazione tra arte, design e impegno politico e sociale.

É su questo aspetto dell’artista e sul suo impegno in qualità di docente presso la Scuola Convitto Rinascita, di cui è uno dei fondatori, e presso la Società Umanitaria, anche come direttore della Scuola del Libro, che si concentrano gli interventi dei relatori.

In occasione dell’incontro si aprirà l’esposizione “Non mi avrete” di manifesti di Albe e Lica Steiner e di libri sulla memoria. Si tratta di parte della loro produzione politica e di pubblica utilità, in particolare i manifesti realizzati sulla Resistenza e sulla deportazione.

Per celebrare il Giorno della Memoria, l’Amministrazione comunale propone questa importante iniziativa che non ha solo un valore commemorativo, ma intende rileggere un periodo così tragico della storia e comprendere, attraverso la produzione grafica, politica e di pubblica utilità di Albe Steiner, come le scelte individuali, all’origine di strategie collettive di impegno e resistenza, possano cambiare il corso degli eventi.

Luciano Fasano
assessore alle Politiche Culturali

Sabato 6 febbraio 2010 - ore 16
Villa Ghirlanda Silva

via Frova, 10 - Cinisello Balsamo

Intervengono:
Franco Bocca Gelsi e Enzo Coluccio - registi
Uliano Lucas - fotoreporter
Giovanna Massariello Merzagora - Fondazione Memoria della
Deportazione
Anna Steiner - Comitato scientifico Archivio Albe e Lica Steiner

Dopo il filmato si aprirà l’esposizione "Non mi avrete" di manifesti di Albe e Lica Steiner e di libri sulla memoria

dal 7 al 21 febbraio 2010 - ingresso libero
da martedì a sabato: ore 15-19
domenica: ore 10-12 e 15-19

info: Centro Documentazione Storica
via Frova, 10 - Cinisello Balsamo
tel. 02 66023506 - cds@comune.cinisello-balsamo.mi.it

Il 6 febbraio 2010 si è tenuta una delle iniziative che l’Amministrazione comunale ha organizzato per il Giorno della Memoria 2010.
Circa centoquaranta erano i presenti che hanno assistito alla proiezione di “Linea rossa, insieme per un disegno di cambiamento”, un documentario in omaggio alla memoria di Albe e Lica Steiner. Dopo la proiezione e il dibattito si è inaugurata l’esposizione “Non mi avrete”, manifesti di Albe e Lica Steiner e libri sulla memoria. La mostra è stata visitata da duecentosettantatre persone.

PDF - 661.5 Kb
Locandina
PDF - 454.2 Kb
Comunicato Stampa
PDF - 2.3 Mb
Introduzione alla sezione di libri sulla memoria dell’esposizione "Non mi avrete"
PDF - 92 Kb
Introduzione all’esposizione "Non mi avrete" e biografia di Albe e Lica Steiner

Linea rossa. Insieme per un disegno di cambiamento

Un documentario in omaggio alla memoria di Albe e Lica Steiner

Nel lavoro di Albe e Lica Steiner si trova l’origine di quella particolare cultura del progetto che è insieme prodotto, design, comunicazione, valore sociale. Il documentario è anche l’ultima pubblica testimonianza di Lica Steiner che ci ha lasciato poco dopo aver visto ed approvato il film, il 23 maggio 2008.
Ma sono anche le voci e i volti delle figlie e di alcuni personaggi del panorama culturale italiano che tracciano il profilo di Albe Steiner. Dell’uomo prima di tutto, antifascista e partigiano, ma soprattutto dell’artista. Un grande intellettuale, un innovatore che ha contribuito a dare modernità al design italiano con uno stile caratterizzato dalla continua ricerca di massima chiarezza e leggibilità del linguaggio visivo. Figura di riferimento per la grafica italiana degli anni cinquanta e sessanta, Steiner è un convinto sostenitore della necessità di una relazione tra arte, design e impegno politico e sociale.

É su questo aspetto dell’artista e sul suo impegno in qualità di docente presso la Scuola Convitto Rinascita, di cui è uno dei fondatori, e presso la Società Umanitaria, anche come direttore della Scuola del Libro, che si concentrano gli interventi dei relatori.

In occasione dell’incontro si aprirà l’esposizione “Non mi avrete” di manifesti di Albe e Lica Steiner e di libri sulla memoria. Si tratta di parte della loro produzione politica e di pubblica utilità, in particolare i manifesti realizzati sulla Resistenza e sulla deportazione.

Per celebrare il Giorno della Memoria, l’Amministrazione comunale propone questa importante iniziativa che non ha solo un valore commemorativo, ma intende rileggere un periodo così tragico della storia e comprendere, attraverso la produzione grafica, politica e di pubblica utilità di Albe Steiner, come le scelte individuali, all’origine di strategie collettive di impegno e resistenza, possano cambiare il corso degli eventi.

Luciano Fasano
assessore alle Politiche Culturali

Sabato 6 febbraio 2010 - ore 16
Villa Ghirlanda Silva

via Frova, 10 - Cinisello Balsamo

Intervengono:
Franco Bocca Gelsi e Enzo Coluccio - registi
Uliano Lucas - fotoreporter
Giovanna Massariello Merzagora - Fondazione Memoria della
Deportazione
Anna Steiner - Comitato scientifico Archivio Albe e Lica Steiner

Dopo il filmato si aprirà l’esposizione "Non mi avrete" di manifesti di Albe e Lica Steiner e di libri sulla memoria

dal 7 al 21 febbraio 2010 - ingresso libero
da martedì a sabato: ore 15-19
domenica: ore 10-12 e 15-19

info: Centro Documentazione Storica
via Frova, 10 - Cinisello Balsamo
tel. 02 66023506 - cds@comune.cinisello-balsamo.mi.it

Il 6 febbraio 2010 si è tenuta una delle iniziative che l’Amministrazione comunale ha organizzato per il Giorno della Memoria 2010.
Circa centoquaranta erano i presenti che hanno assistito alla proiezione di “Linea rossa, insieme per un disegno di cambiamento”, un documentario in omaggio alla memoria di Albe e Lica Steiner. Dopo la proiezione e il dibattito si è inaugurata l’esposizione “Non mi avrete”, manifesti di Albe e Lica Steiner e libri sulla memoria. La mostra è stata visitata da duecentosettantatre persone.

PDF - 661.5 Kb
Locandina
PDF - 454.2 Kb
Comunicato Stampa
PDF - 2.3 Mb
Introduzione alla sezione di libri sulla memoria dell’esposizione "Non mi avrete"
PDF - 92 Kb
Introduzione all’esposizione "Non mi avrete" e biografia di Albe e Lica Steiner
9978
10261
10262
10263
10264
10265
10266
10267
10268
10270
10271
10272
10273
10275
10276
10277
10278
10279
10280
10281
10282
10283
10285
10286
10287
10288
10289
Il pubblico Il pubblico Daniela Cavallini Luciano Fasano Enzo Coluccio Franco Bocca Gelsi Uliano Lucas Giovanna Massariello Angela Persici Anna Steiner I relatori Sala dei Paesaggi La mostra Alcune opere di Albe Steiner Alcune opere di Albe Steiner Esposizione di libri I pannelli Alcune tra le opere più conosciute e apprezzate di Albe Steiner Manifesto per la pace Visita guidata Il pubblico Il figlio del partigiano Enrico Ferrandi saluta Anna Steiner Visita guidata Anna Steiner Il pubblico visita la mostra Anna Steiner durante la visita della mostra

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    info@comune.cinisello-balsamo.mi.it
    comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022