Servizi > Cittadini stranieri > Come fare

Visti d’ingresso

Tutti i cittadini stranieri, che non appartengono ai Paesi dell’Unione Europea, possono entrare in Italia presentando il passaporto e, nei casi in cui è richiesto, il visto rilasciato nel loro Paese di provenienza.

Il visto è l’autorizzazione concessa allo straniero per l’ingresso nel territorio della Repubblica italiana. E’ stampato su carta adesiva e si applica sul passaporto o documento di viaggio equivalente del richiedente.

Per tutti i soggiorni di lunga durata, oltre 90 giorni, gli stranieri devono avere sempre il visto, anche se cittadini di Paesi non soggetti ad obbligo di visto per transito o per breve soggiorno.
Questi tipi di visto sono validi per soggiorni superiori a 90 giorni con uno o più ingressi in Italia e per l’eventuale transito attraverso il territorio degli Stati Schengen.

Cittadini dello Spazio Schengen:

Lo straniero già residente in uno Stato Schengen e titolare di permesso di soggiorno valido è esente da visto per soggiorni non superiori a 3 mesi, a condizione che l’ingresso in Italia non avvenga per motivi di lavoro subordinato, lavoro autonomo o tirocinio.

Insieme dei territori nazionali dei Paesi che applicano la Convenzione Schengen: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svezia, Islanda, Norvegia, Slovenia, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Svizzera e Malta.

Cittadini extracomunitari:

I cittadini di alcuni Paesi non sono obbligati a richiedere il visto d’ingresso per soggiorni per turismo, missione, affari, invito e gara sportiva purchè non superiori a 90 giorni. Diversamente, cittadini di altri Paesi, hanno sempre l’obbligo di visto.

Come ottenere il visto:

Per tutti i tipi di richiesta è necessario presentare la seguente documentazione:

- le proprie generalità complete e quelli degli eventuali familiari al seguito;

- gli estremi del passaporto o di altro documento di viaggio riconosciuto equivalente;

- il luogo di destinazione;

- il motivo e la durata del soggiorno (lavoro, salute, ecc.);

- la disponibilità dei mezzi di sussistenza sufficienti per la durata del viaggio e del soggiorno;

- foto formato tessera.

Lo straniero deve obbligatoriamente indicare la finalità del viaggio, i mezzi di sostentamento per il viaggio ed il soggiorno, e le condizioni di alloggio.

Per informazioni contattare lo sportello Spazio Aperto
viale Romagna 39 Cinisello Balsamo
orari Mercoledì 14-17 - Giovedì 10-13
Telefono 026127796
email cinisellobalsamo.spazioaperto@gmail.com
Aggiornato aprile 2014

Tipologie di visto e costi:

Sono 21 le tipologie di visto d’ingresso: adozione, affari, cure mediche, diplomatico, familiare al seguito, gara sportiva, invito, lavoro autonomo, lavoro subordinato, missione, motivi religiosi, reingresso, residenza elettiva, ricongiungimento familiare, studio, transito aeroportuale, transito, trasporto, turismo, vacanze-lavoro, volontariato.

- Visto tipo A: transito aeroportuale = 60 €
- Visto tipo B: transito = 60 €
- Visto tipo C: soggiorni di breve durata o di viaggio fino a 90 giorni, con uno o più ingressi = 60 €
- Visto tipo D: soggiorni superiori a 90 giorni = 105 €

Non è più previsto il visto di lunga durata per i familiari (solo ex art. 2 D. Lgs. 30/2007) di cittadino italiano o U.E. Per l’ingresso in Italia al familiare viene rilasciato il visto di breve durata, salvo i casi di esenzione.
Ai cittadini dei seguenti Paesi, limitatamente ai visti di tipo A, B e C, la tariffa da applicarsi è di 35 euro:
Ucraina, Federazione Russa, Macedonia, Bosnia-Erzegovina, Serbia, Montenegro, Albania e Moldova.

Esenti dal pagamento:

Le seguenti categorie di richiedenti di paesi terzi sono esenti dal pagamento dei diritti per il trattamento delle domande di visto:

- studenti (breve e lungo soggiorno)
- minori di 6 anni (breve soggiorno)
- parenti fino al II grado di cittadini UE (breve e lungo soggiorno)
- ricercatori quali definiti nella raccomandazione 2005/761/CE del 28.09.2005
- alcune categorie di beneficiari rientranti nell’Art. 6 di ciascun Accordo di facilitazione con l’UE

Dove ottenere il visto:

Il visto è rilasciato dalle ambasciate e dai consolati italiani nello stato d’origine o dello stabile di residenza del cittadino straniero.
Per sapere dove si trovano le ambasciate e i consolati italiani all’estero, consultare il Sito del Ministero degli Affari Esteri

Normativa di riferimento

Il Ministero degli Affari Esteri, istituzionalmente competente in tema d’ingresso degli stranieri, ha curato l’emanazione il 12 luglio del 2000 del Decreto Interministeriale in materia di visti, previsto dall’art. 5 c. 3 del D.P.R. 394/1999 (così come modificato dal D.P.R. 334/2004, pubblicato sulla G.U. n. 33 del 10.02.2005)

Per ulteriori informazioni, è possibile consultare il database dei Visti d’ingresso

Per informazioni contattare lo sportello Spazio Aperto
viale Romagna 39 a Cinisello Balsamo
orari Mercoledì 14-17, Giovedì 10-13
Tel 026127796
email cinisellobalsamo.spazioaperto@gmail.com
Aggiornato aprile 2014

Tutti i cittadini stranieri, che non appartengono ai Paesi dell’Unione Europea, possono entrare in Italia presentando il passaporto e, nei casi in cui è richiesto, il visto rilasciato nel loro Paese di provenienza.

Il visto è l’autorizzazione concessa allo straniero per l’ingresso nel territorio della Repubblica italiana. E’ stampato su carta adesiva e si applica sul passaporto o documento di viaggio equivalente del richiedente.

Per tutti i soggiorni di lunga durata, oltre 90 giorni, gli stranieri devono avere sempre il visto, anche se cittadini di Paesi non soggetti ad obbligo di visto per transito o per breve soggiorno.
Questi tipi di visto sono validi per soggiorni superiori a 90 giorni con uno o più ingressi in Italia e per l’eventuale transito attraverso il territorio degli Stati Schengen.

Cittadini dello Spazio Schengen:

Lo straniero già residente in uno Stato Schengen e titolare di permesso di soggiorno valido è esente da visto per soggiorni non superiori a 3 mesi, a condizione che l’ingresso in Italia non avvenga per motivi di lavoro subordinato, lavoro autonomo o tirocinio.

Insieme dei territori nazionali dei Paesi che applicano la Convenzione Schengen: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svezia, Islanda, Norvegia, Slovenia, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Svizzera e Malta.

Cittadini extracomunitari:

I cittadini di alcuni Paesi non sono obbligati a richiedere il visto d’ingresso per soggiorni per turismo, missione, affari, invito e gara sportiva purchè non superiori a 90 giorni. Diversamente, cittadini di altri Paesi, hanno sempre l’obbligo di visto.

Come ottenere il visto:

Per tutti i tipi di richiesta è necessario presentare la seguente documentazione:

- le proprie generalità complete e quelli degli eventuali familiari al seguito;

- gli estremi del passaporto o di altro documento di viaggio riconosciuto equivalente;

- il luogo di destinazione;

- il motivo e la durata del soggiorno (lavoro, salute, ecc.);

- la disponibilità dei mezzi di sussistenza sufficienti per la durata del viaggio e del soggiorno;

- foto formato tessera.

Lo straniero deve obbligatoriamente indicare la finalità del viaggio, i mezzi di sostentamento per il viaggio ed il soggiorno, e le condizioni di alloggio.

Per informazioni contattare lo sportello Spazio Aperto
viale Romagna 39 Cinisello Balsamo
orari Mercoledì 14-17 - Giovedì 10-13
Telefono 026127796
email cinisellobalsamo.spazioaperto@gmail.com
Aggiornato aprile 2014

Tipologie di visto e costi:

Sono 21 le tipologie di visto d’ingresso: adozione, affari, cure mediche, diplomatico, familiare al seguito, gara sportiva, invito, lavoro autonomo, lavoro subordinato, missione, motivi religiosi, reingresso, residenza elettiva, ricongiungimento familiare, studio, transito aeroportuale, transito, trasporto, turismo, vacanze-lavoro, volontariato.

- Visto tipo A: transito aeroportuale = 60 €
- Visto tipo B: transito = 60 €
- Visto tipo C: soggiorni di breve durata o di viaggio fino a 90 giorni, con uno o più ingressi = 60 €
- Visto tipo D: soggiorni superiori a 90 giorni = 105 €

Non è più previsto il visto di lunga durata per i familiari (solo ex art. 2 D. Lgs. 30/2007) di cittadino italiano o U.E. Per l’ingresso in Italia al familiare viene rilasciato il visto di breve durata, salvo i casi di esenzione.
Ai cittadini dei seguenti Paesi, limitatamente ai visti di tipo A, B e C, la tariffa da applicarsi è di 35 euro:
Ucraina, Federazione Russa, Macedonia, Bosnia-Erzegovina, Serbia, Montenegro, Albania e Moldova.

Esenti dal pagamento:

Le seguenti categorie di richiedenti di paesi terzi sono esenti dal pagamento dei diritti per il trattamento delle domande di visto:

- studenti (breve e lungo soggiorno)
- minori di 6 anni (breve soggiorno)
- parenti fino al II grado di cittadini UE (breve e lungo soggiorno)
- ricercatori quali definiti nella raccomandazione 2005/761/CE del 28.09.2005
- alcune categorie di beneficiari rientranti nell’Art. 6 di ciascun Accordo di facilitazione con l’UE

Dove ottenere il visto:

Il visto è rilasciato dalle ambasciate e dai consolati italiani nello stato d’origine o dello stabile di residenza del cittadino straniero.
Per sapere dove si trovano le ambasciate e i consolati italiani all’estero, consultare il Sito del Ministero degli Affari Esteri

Normativa di riferimento

Il Ministero degli Affari Esteri, istituzionalmente competente in tema d’ingresso degli stranieri, ha curato l’emanazione il 12 luglio del 2000 del Decreto Interministeriale in materia di visti, previsto dall’art. 5 c. 3 del D.P.R. 394/1999 (così come modificato dal D.P.R. 334/2004, pubblicato sulla G.U. n. 33 del 10.02.2005)

Per ulteriori informazioni, è possibile consultare il database dei Visti d’ingresso

Per informazioni contattare lo sportello Spazio Aperto
viale Romagna 39 a Cinisello Balsamo
orari Mercoledì 14-17, Giovedì 10-13
Tel 026127796
email cinisellobalsamo.spazioaperto@gmail.com
Aggiornato aprile 2014

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    info@comune.cinisello-balsamo.mi.it
    comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022