FACCE, UNA STORIA IN VISO

TITOLO DELL’ ATTIVITA’: FACCE, UNA STORIA IN VISO

Laboratorio artistico/esperienziale di narrazione ed espressione di sé
Progetto di valorizzazione di sé e degli altri

L’attività prevede un rimborso indicativo di 8 euro ad alunno da definirsi rispetto al numero complessivo degli alunni della classe.

Destinatari: Scuola Secondaria di I grado

Classi: Prime, Seconde

Numero massimo di alunni a incontro: Gruppo classe

Numero di incontri e durata: Due incontri della durata di 2 ore ciascuno

Dove: Un locale all’interno dell’istituto che ospiterà il laboratorio

Descrizione dell’attività: “Metterci la faccia”. Avere la possibilità di far parte integrante di un progetto comune ma anche di poter essere “riconoscibile” nel gruppo. Far emergere la propria essenza umana attraverso la fotografia di sé, in un contesto singolare ma condiviso. Costruire un libro di immagini dedicato al soggetto più affascinante: il volto umano.
Una galleria di espressioni, emozioni, sorprese e sentimenti. Il progetto, pensato e intrapreso come “attività di ricerca” è un itinerario di esperienze che fa riferimento alla storia personale e all’identità dei ragazzi.
Il riconoscersi e differenziarsi nel gruppo è ciò che il ragazzo impara man mano che sviluppa le sue relazioni sociali. Riconoscere e rappresentare la propria immagine lo aiuta a conoscere se stesso e a scoprire gli altri, simili e diversi da sé.

Obiettivi artistici: Il VISO è un insieme di espressioni, di sentimenti e di indizi emotivi che si riflettono e si mescolano con quelli di chi osserva. Spesso noi “parliamo con il viso” senza aprire bocca e dal nostro volto emerge il desiderio di comunicare ed esprimere sentimenti. Il viso rappresenta la nostra identità, il nostro modo di essere presenti nell’ambiente sociale in cui viviamo. L’idea di questo progetto è quella di costruire un’autobiografia visiva, poiché ciascun ritratto ed autoritratto “contiene” infinite storie ed innumerevoli informazioni

Obiettivi sociali: Da un punto di vista sociale, il ritratto rappresenta la chiave per l’emancipazione nella comunità. Attraverso la riproduzione “fotografica”, il soggetto percepisce la testimonianza della sua identità, dei propri diritti umani.
Parlare, raccontare, esprimere un pensiero sulla propria identità e poi trasformare il racconto in fotografia o viceversa. Un sistema di scambio e passaggio di informazioni di sé che consentano al soggetto e al gruppo di contestualizzare emozioni e caratteristiche personali. Obiettivo del progetto è sostenere attraverso tracce stampate il passaggio nella comunità scuola di ogni singolo individuo, consentire alla comunità di conoscere in modo più approfondito le caratteristiche umane di ogni compagno, favorire ed aumentare la coesione di gruppo

Note: A fine anno su richiesta dei coordinatori scolastici esiste la possibilità di organizzare un evento, aperto alle famiglie dei bambini, nel quale sarà possibile mostrare l’iter percorso dai ragazzi e gli obiettivi raggiunti con il progetto

L’attività prevede (scelta facoltativa) la realizzazione di un libro cartaceo, che potrà essere stampato e consegnato ad ognuno degli alunni (1 copia per ognuno) partecipanti al laboratorio (costo ed impaginazione quantificati in maniera indicativa - formato del libro 160x240 mm, 60 facciate, € 20 (costo indicativo ad alunno)

Attività realizzata da: Associazione Lyceum, l’attività sarà condotta da un’esperta di laboratori esperienziali

Per eventuali approfondimenti: www.lyceum.it