Servizi e progetti > Pagine giovani > Youth Work > FORMAZIONE

“GENERE, POLITICA E ISTITUZIONI”, il corso sulle Pari Opportunità

Valeria Stancanelli, tirocinante del Servizio Civile Nazionale del Comune di Cinisello Balsamo, a pochi mesi dalla conclusione del corso “Genere, Politica e Istituzioni” organizzato dall’Università di Milano – Bicocca e avviato ad aprile 2016 tira le somme di questa importante esperienza.

Nello specifico, il corso ha come obiettivo il sostegno all’affermazione e all’inserimento delle donne nella vita pubblica e nei centri decisionali, a livello sia nazionale sia locale, nelle assemblee elettive, nei Consigli e nei Comitati Consultivi dove le donne sono in genere in posizione minoritaria.

Durante i secoli la donna ha acquisito nella società un ruolo sempre più importante arrivando alla parità con l’uomo. O almeno è quello che vogliono farci credere.
Le storie greche e romane ci mostrano la donna come una semplice figura presente nel nucleo familiare, a cui erano concessi pochi diritti e libertà. L’unico dovere che aveva, era prendersi cura dei figli e del marito. D’altronde non poteva fare altro: basta pensare che in alcune società, alla donna, non veniva permesso di uscire di casa, o svolgere compiti che oggi fa abitualmente.

Il fenomeno della violenza maschile sulla donna è un argomento importante e delicato, ancora poco considerato, anche in Occidente. Basta guardare semplicemente l’Italia, dove fino a non molti anni fa l’uomo che uccideva la moglie o la fidanzata “per gelosia” con movente “d’onore” se la cavava con pochi anni di prigione.

Le donne nella società contemporanea non hanno ancora ottenuto un pieno riconoscimento dei propri diritti: lo dimostra il fatto che la società è strutturata su un modello maschile.
I dati confermano che le donne adulte e con famiglia hanno problemi di conciliazione lavoro/famiglia e di carichi di cura; ciò costituisce un ostacolo alla permanenza femminile nel mondo del lavoro e della politica.

Il corso vuole fornire conoscenze di base per assumere uno sguardo diverso sulle donne, promuovendo una cultura di genere che consente di agire un vero cambiamento della società. Gli argomenti che sono stati discussi fino ad ora hanno riguardato:

  • Il genere come costruzione sociale.
  • Media e rappresentazioni sociali di genere.
  • L’evoluzione della legislazione italiana sulla parità tra uomo e donna.
  • Indebolimento delle protezioni sociali, nuove forme di esclusione: questioni istituzionali e politiche in materia di Welfare .
  • Il femminismo degli anni Settanta di fronte agli interrogativi del presente.
  • Multiculturalismo, cittadinanza e lotte per il riconoscimento.
  • Le donne nei CDdA delle società quotate e delle società partecipate dalle pubbliche amministrazioni.
  • Le donne nell’economia italiana.
  • La condizione giuridica della donna nella storia tra dimensione privata e partecipazione politica.
  • Genere e rappresentanza: le domande delle donne e le scelte dei partiti nella crisi.
  • Dinamiche demografiche, strategie familiari e mutamenti dei modelli di cura.
  • Gli stereotipi di genere: dalla pubblicità alla violenza.
  • I tempi delle donne.

Valeria concluderà il corso a novembre 2017 .. Le facciamo un in bocca al lupo per l’esame che dovrà sostenere!

Valeria Stancanelli, tirocinante del Servizio Civile Nazionale del Comune di Cinisello Balsamo, a pochi mesi dalla conclusione del corso “Genere, Politica e Istituzioni” organizzato dall’Università di Milano – Bicocca e avviato ad aprile 2016 tira le somme di questa importante esperienza.

Nello specifico, il corso ha come obiettivo il sostegno all’affermazione e all’inserimento delle donne nella vita pubblica e nei centri decisionali, a livello sia nazionale sia locale, nelle assemblee elettive, nei Consigli e nei Comitati Consultivi dove le donne sono in genere in posizione minoritaria.

Durante i secoli la donna ha acquisito nella società un ruolo sempre più importante arrivando alla parità con l’uomo. O almeno è quello che vogliono farci credere.
Le storie greche e romane ci mostrano la donna come una semplice figura presente nel nucleo familiare, a cui erano concessi pochi diritti e libertà. L’unico dovere che aveva, era prendersi cura dei figli e del marito. D’altronde non poteva fare altro: basta pensare che in alcune società, alla donna, non veniva permesso di uscire di casa, o svolgere compiti che oggi fa abitualmente.

Il fenomeno della violenza maschile sulla donna è un argomento importante e delicato, ancora poco considerato, anche in Occidente. Basta guardare semplicemente l’Italia, dove fino a non molti anni fa l’uomo che uccideva la moglie o la fidanzata “per gelosia” con movente “d’onore” se la cavava con pochi anni di prigione.

Le donne nella società contemporanea non hanno ancora ottenuto un pieno riconoscimento dei propri diritti: lo dimostra il fatto che la società è strutturata su un modello maschile.
I dati confermano che le donne adulte e con famiglia hanno problemi di conciliazione lavoro/famiglia e di carichi di cura; ciò costituisce un ostacolo alla permanenza femminile nel mondo del lavoro e della politica.

Il corso vuole fornire conoscenze di base per assumere uno sguardo diverso sulle donne, promuovendo una cultura di genere che consente di agire un vero cambiamento della società. Gli argomenti che sono stati discussi fino ad ora hanno riguardato:

  • Il genere come costruzione sociale.
  • Media e rappresentazioni sociali di genere.
  • L’evoluzione della legislazione italiana sulla parità tra uomo e donna.
  • Indebolimento delle protezioni sociali, nuove forme di esclusione: questioni istituzionali e politiche in materia di Welfare .
  • Il femminismo degli anni Settanta di fronte agli interrogativi del presente.
  • Multiculturalismo, cittadinanza e lotte per il riconoscimento.
  • Le donne nei CDdA delle società quotate e delle società partecipate dalle pubbliche amministrazioni.
  • Le donne nell’economia italiana.
  • La condizione giuridica della donna nella storia tra dimensione privata e partecipazione politica.
  • Genere e rappresentanza: le domande delle donne e le scelte dei partiti nella crisi.
  • Dinamiche demografiche, strategie familiari e mutamenti dei modelli di cura.
  • Gli stereotipi di genere: dalla pubblicità alla violenza.
  • I tempi delle donne.

Valeria concluderà il corso a novembre 2017 .. Le facciamo un in bocca al lupo per l’esame che dovrà sostenere!

38444

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    Per informazioni: info@comune.cinisello-balsamo.mi.it
    Posta certificata: comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022