Servizi > La città > Comunicazioni

Eventuale accoglienza profughi presso il CDD di Cusano Milanino

I Sindaci e le Assessore delle Politiche Sociali dei Comuni dell’Ambito hanno invitato i familiari degli ospiti dei Cdd ad un incontro pubblico di chiarimento e confronto sulle modalità di una eventuale accoglienza dei profughi presso la struttura via Azalee a Cusano Milanino.

L’incontro si terrà SABATO 3 SETTEMBRE 2016, alle ore 10.30 presso la sede dell’Azienda Insieme per Il Sociale, via Azalee, 14 a Cusano Milanino.

Già nelle scorse settimane il Presidente dell’Assemblea Consortile dell’Azienda Insieme per Il Sociale aveva comunicato alla famiglie, tramite lettera, l’ipotesi di utilizzo della sede a Cusano Milanino per un progetto di accoglienza mirato, destinato solamente a madri con bambini o piccoli nuclei familiari con bimbi, in relazione alle caratteristiche dello stabile, alla sua collocazione e ai servizi che ospita.

Un progetto che non è ancora definito nelle modalità di attuazione e nella tempistica e che proprio per questo si vuole condividere con le famiglie.

Ecco il testo della lettera inviata ai familiari ospiti del Centro Disabili a firma del Presidente dell’Assemblea Consortile dell’Azienda Speciale Insieme per il Sociale.

"Nei giorni scorsi è apparsa la notizia della destinazione di Profughi presso la palazzina all’entrata del parco di via Azalee di Cusano Milanino che ospita tre dei quattro Centri Disabili gestiti dall’Azienda Speciale Consortile IPIS.

Le Amministrazioni Pubbliche sono chiamate a farsi carico di questa situazione emergenziale proprio in nome del ruolo pubblico da loro giocato tenendo in debita considerazione in una logica sistemica tutti gli elementi in gioco.

Per tale motivo occorre chiarire che l’eventuale individuazione dello stabile di via Azalee 14 di Cusano Milanino come possibile luogo di accoglienza fa parte di un sistema di governo del territorio che i sindaci
dell’ambito (Bresso, Cinisello Balsamo, Cormano, Cusano Milanino) hanno gestito in modo unitario ed in sinergia con l’amministrazione di Milano, proprietaria dello stabile e comunque profondamente interessata alla vicenda profughi, e con la Prefettura stessa che, al di là dell’assenso o meno delle singole amministrazioni, si trova nella situazione di dover suddividere tra i vari comuni i contingenti in arrivo sulla provincia di Milano.

La posizione interlocutoria assunta dalle Amministrazioni comunali ha permesso di entrare in dialogo costruttivo con la Prefettura e quindi di poter ipotizzare congiuntamente la tipologia di profughi da accogliere
anche in relazione delle caratteristiche dello stabile e della sua collocazione accanto ad altre unità di offerta. Ha anche permesso la possibilità di valutare la percorribilità di un progetto che nell’ipotesi possa consentire una gestione dignitosa delle persone che potrebbero essere accolte. Occorre chiarire che l’ospitalità vedrà interessate madri con bambini o piccoli nuclei familiari con bimbi.

L’interlocuzione tra gli attori in gioco, si è sviluppata nelle ultime settimane estive che non hanno consentito nell’immediato la possibilità di confronto con i familiari dei centri, facendola slittare a Settembre.

Proprio in una logica di cultura dell’accoglienza e di costruzione condivisa delle regole, le amministrazioni Comunali di Bresso, Cinisello Balsamo, Cormano e Cusano Milanino nei primi giorni di settembre
chiameranno i familiari dei Centri Diurni Disabili per un incontro che abbia finalità esplicative, ma soprattutto costruttive di un sistema di convivenza civile. Questo momento comune servirà per chiarire il percorso, accogliere, trovare risposte ad eventuali dubbi o perplessità e raccogliere eventuali proposte".

Il Presidente Assemblea Consortile Azienda Speciale “Insieme per il Sociale”
Assessore Patrizia MANNI

I Sindaci e le Assessore delle Politiche Sociali dei Comuni dell’Ambito hanno invitato i familiari degli ospiti dei Cdd ad un incontro pubblico di chiarimento e confronto sulle modalità di una eventuale accoglienza dei profughi presso la struttura via Azalee a Cusano Milanino.

L’incontro si terrà SABATO 3 SETTEMBRE 2016, alle ore 10.30 presso la sede dell’Azienda Insieme per Il Sociale, via Azalee, 14 a Cusano Milanino.

Già nelle scorse settimane il Presidente dell’Assemblea Consortile dell’Azienda Insieme per Il Sociale aveva comunicato alla famiglie, tramite lettera, l’ipotesi di utilizzo della sede a Cusano Milanino per un progetto di accoglienza mirato, destinato solamente a madri con bambini o piccoli nuclei familiari con bimbi, in relazione alle caratteristiche dello stabile, alla sua collocazione e ai servizi che ospita.

Un progetto che non è ancora definito nelle modalità di attuazione e nella tempistica e che proprio per questo si vuole condividere con le famiglie.

Ecco il testo della lettera inviata ai familiari ospiti del Centro Disabili a firma del Presidente dell’Assemblea Consortile dell’Azienda Speciale Insieme per il Sociale.

"Nei giorni scorsi è apparsa la notizia della destinazione di Profughi presso la palazzina all’entrata del parco di via Azalee di Cusano Milanino che ospita tre dei quattro Centri Disabili gestiti dall’Azienda Speciale Consortile IPIS.

Le Amministrazioni Pubbliche sono chiamate a farsi carico di questa situazione emergenziale proprio in nome del ruolo pubblico da loro giocato tenendo in debita considerazione in una logica sistemica tutti gli elementi in gioco.

Per tale motivo occorre chiarire che l’eventuale individuazione dello stabile di via Azalee 14 di Cusano Milanino come possibile luogo di accoglienza fa parte di un sistema di governo del territorio che i sindaci
dell’ambito (Bresso, Cinisello Balsamo, Cormano, Cusano Milanino) hanno gestito in modo unitario ed in sinergia con l’amministrazione di Milano, proprietaria dello stabile e comunque profondamente interessata alla vicenda profughi, e con la Prefettura stessa che, al di là dell’assenso o meno delle singole amministrazioni, si trova nella situazione di dover suddividere tra i vari comuni i contingenti in arrivo sulla provincia di Milano.

La posizione interlocutoria assunta dalle Amministrazioni comunali ha permesso di entrare in dialogo costruttivo con la Prefettura e quindi di poter ipotizzare congiuntamente la tipologia di profughi da accogliere
anche in relazione delle caratteristiche dello stabile e della sua collocazione accanto ad altre unità di offerta. Ha anche permesso la possibilità di valutare la percorribilità di un progetto che nell’ipotesi possa consentire una gestione dignitosa delle persone che potrebbero essere accolte. Occorre chiarire che l’ospitalità vedrà interessate madri con bambini o piccoli nuclei familiari con bimbi.

L’interlocuzione tra gli attori in gioco, si è sviluppata nelle ultime settimane estive che non hanno consentito nell’immediato la possibilità di confronto con i familiari dei centri, facendola slittare a Settembre.

Proprio in una logica di cultura dell’accoglienza e di costruzione condivisa delle regole, le amministrazioni Comunali di Bresso, Cinisello Balsamo, Cormano e Cusano Milanino nei primi giorni di settembre
chiameranno i familiari dei Centri Diurni Disabili per un incontro che abbia finalità esplicative, ma soprattutto costruttive di un sistema di convivenza civile. Questo momento comune servirà per chiarire il percorso, accogliere, trovare risposte ad eventuali dubbi o perplessità e raccogliere eventuali proposte".

Il Presidente Assemblea Consortile Azienda Speciale “Insieme per il Sociale”
Assessore Patrizia MANNI

  • Via XXV aprile, 4 20092 Cinisello Balsamo

    Centralino 02660231

    info@comune.cinisello-balsamo.mi.it
    comune.cinisellobalsamo@pec.regione.lombardia.it

    Codice Fiscale 01971350150
    Partita Iva 00727780967
    Codice Catastale: C707

    Sito registrato al Tribunale di Monza n. 2022